BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

POPIELUSZKO/ La vera storia del sacerdote ucciso dalla polizia comunista polacca

Pubblicazione:

popR375_05nov09.jpg

 

Nell'estate dell'80 a Danzica il movimento operaio si sgancia dalla soggezione ideologica al marxismo e rinasce nell'esperienza della solidarietà. Il sogno polacco dura 16 mesi, fino al colpo di mano militare che con il pretesto della «salvezza nazionale» trasforma il sogno in incubo: il 13 dicembre 1981 Jaruzelski impone la legge marziale, che resta in vigore fino all'estate dell'83.

Intanto tra il 1982 e l'84, nella chiesa di San Stanislao Kostka a Varsavia, don Jerzy Popieluszko all’ultima domenica del mese celebra la «Messa per la patria», cui partecipano fedeli da tutta la Polonia. Le sue omelie, in cui si richiama all'insegnamento di Giovanni Paolo II e del cardinal Wyszsynski, sono improntate al motto: «Vincere il male con il bene». Per le autorità comuniste don Jerzy è un ostacolo al «processo di normalizzazione»: «L'atteggiamento di Popieluszko e il clima da lui creato, trasformano l'assembramento religioso in una manifestazione politica che minaccia l'ordine e la sicurezza della capitale», scrive il segretario dell'Ufficio Affari Religiosi all'arcivescovo Dabrowski, sollecitando la gerarchia ad intervenire.

Già da qualche mese don Jerzy è oggetto di «interessamento» da parte della polizia. Non bastano gli atti di vandalismo, gli interrogatori, le perquisizioni: nell'ottobre '84 lungo la strada che da Bydgoszcz porta a Torun, la sua auto viene fermata, lui rapito e massacrato da tre ufficiali dello «squadrone della morte» noto come Gruppo «D». L'omicidio non passa sotto silenzio grazie alla denuncia dell'autista di padre Jerzy che riesce a scappare. Il processo, svoltosi davanti alle telecamere nel gennaio '85, è manovrato ad arte: il procuratore e il principale accusato fanno a gara per far apparire la Chiesa e don Jerzy come istigatori della tensione sociale, e il caso viene riletto politicamente come il tentativo di scalzare Jaruzelski dal piedestallo del «pacificatore».

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
05/12/2009 - Un prete da uccidere (Gianbattista Pasinetti)

Un film è già stato fatto nel 1988: su My Movies si trova ed è "Un prete da uccidere" Un film di Agnieszka Holland con Ed Harris, Christopher Lambert, Joss Ackland, Timothy Spall. Genere Drammatico produzione Gran Bretagna, 1988 Durata 105 minuti circa. Io l'ho trovato buono. Grazie a tutti.

 
25/11/2009 - Esce a Roma l'11 dicembre (Antonio Autieri)

Ulteriore informazione: il film è a Roma dall'11 dicembre al Nuovo Cinema Aquila, via l'Aquila 68, 00176 Roma (quartiere Pigneto). Penso che nei giorni precedenti i festival si possano trovare gli orari sul sito http://cinemaaquila.com/

 
18/11/2009 - Per ora in una rassegna (Antonio Autieri)

Per ora il film passa a Roma durante il Tertio Millenio Film Fest (1- 6 dicembre), organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo, con il patronato del Pontificio Consiglio della Cultura e del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali. Si tratta di uno degli eventi speciali del programma, credo che sul sito ufficiale ci siano indicazioni su luogo e orario

 
06/11/2009 - dove vedere il film? (EMANUELE BILOTTI)

Mi risulta che il film non sia in programmazione in nessuna sala romana... (ho consultato il sito mymovies)