BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA CADUTA DEL MURO/ Scholz: un anniversario più europeo che tedesco

Pubblicazione:

berlinerR375_08nov09.jpg

 

Anche le ricostruzioni storiche sono ancora diverse tra Ovest ed Est. Un commentatore, nato in Germania orientale, sul settimanale Die Zeit ha descritto come “segnale fatale” il fatto che la Fondazione Konrad Adenauer, vicina alla CDU, avesse invitato per le celebrazioni della caduta del Muro i tre “Padri dell’unità”, George Bush Senior, Michael Gorbaciov e Helmut Kohl. La storia che ha cambiato il mondo non sarebbe opera di statisti, ma è stata fatta allora nelle strade della DDR e sul Muro di Berlino.

 

Cresce nondimeno la coscienza che l’opera degli statisti non può essere separata da ciò che avvenne nelle strade, tanto quanto non si possono dividere le due parti della Germania riunificata, per dirla con Willy Brandt: «Cresce insieme ciò che insieme appartiene». Il presidente della repubblica Horst Köhler vi ha accennato nel suo discorso sui tre “Padri dell’unità:” Senza dubbio il popolo ha premuto per la libertà, ma questi tre uomini, in questo momento straordinario della storia che è stato il 1989/90, con la loro politica «delle porte aperte avrebbero cambiato la carta geografica dell’Europa e regalato al mondo opportunità e compiti del tutto nuovi».

 

Kohl era consapevole quanto nessun altro dell’importanza di quel momento per la storia del mondo, così come del pericolo di un fallimento, e ha riconosciuto che: «avrebbe potuto finire in tutt’altro modo. É stato anche un regalo». E gli era anche chiaro che, sulla base della storia passata della Germania, nessuno dei grandi vicini europei sarebbe stato felice della riunione di 80 milioni di tedeschi nel cuore dell’Europa. Proprio per questo ha posto la riunificazione tedesca nell’ambito del rafforzamento dell’integrazione europea ed è segno della levatura della sua capacità diplomatica l’essere riuscito a ottenere la riunificazione senza far uscire la Germania dalla Nato.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
09/11/2009 - Così parla un onorato tedesco (Francesco Giuseppe Pianori)

Grazie, Dott. Christoph. Sono parole preziose quelle che ha scritto, da incidere sulla pietra. La riunificazione tedesca, la fine della Guerra Fredda, la possibilità di un'Europa solidale è frutto di un dono dal Cielo raccolto e accolto da grandi uomini, cristiani, guarda caso. Dio salvi la Germania, Dio benedica l'Europa. Grazie di cuore.