BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

POLEMICHE/ La Russia al bivio tra la violenza di Ivan il terribile e la misericordia di Filipp

Pubblicazione:

ivanterribileR375_10dic09.jpg

 

Le discussioni su Ivan IV in realtà vertono su Stalin, è lui che difendiamo difendendo lo zar». Al’fred Koch ha letto nel film di Lungin una «parabola» dello scacchiere odierno: se la sanguinosa spedizione contro Novgorod fu giustificata da Ivan il Terribile con la necessità di reprimere le tendenze separatiste, anche oggi le autorità russe «ci mettono paura con lo spauracchio della disgregazione del paese», oppure «fanno mostra di agire con motivazioni cristiane», mentre in realtà seguono semplicemente i propri interessi.

Nel metropolita martire Filipp la Chiesa mostra appunto la propria irriducibilità all’ideologia, indica un’altra strada, umana e feconda, percorribile da tutti e in cui ciascuno – la bambina «innocente» che ferma l’orso inferocito con un’icona, come il boiaro che riscatta sotto tortura una vita di compromessi – può diventare testimone della Presenza che compie l’uomo e il mondo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.