BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRACCE/ Critica della ragion stupida

Pubblicazione:

 

È un’emergenza, con cui mi scontro ogni giorno in aula. Una volta ho spiegato un passo in cui Puškin augura alla sua donna: «Io vi ho amato così sinceramente, così teneramente / come Dio vi conceda di essere amata da un altro». Dei ragazzi alzano la mano: «È ironico, vero?». Nessuno poteva credere che esista un rapporto così puro. In un’altra lezione, abbiamo letto dei versi in cui Puškin si paragona a un gondoliere di Venezia e conclude: «Canto per svago, come lui, senza echi...». Ho chiesto: «A chi è mai capitato di fare qualcosa né per i soldi né per il potere, senza un ritorno?». Su trenta, ha risposto solo una studentessa. Negli altri, di nuovo la stessa incredulità cinica. Come se nessuno credesse più nell’amore, o nell’amicizia. Insieme alla ragione, si riducono anche i valori. E resta solo l’utilitarismo, dove la poesia non può trovare spazio.

 

 

Puškin, Dante, Goethe, Pasternak... Per quale motivo ha scelto di dialogare, nel suo libro, proprio con dei poeti?

 

Perché con loro si può parlare delle cose fondamentali della vita: la libertà, il significato, la volontà, il cuore... Ai contemporanei, invece, spesso non interessano. Per questo ho sempre sentito vicino uno come Dante, anche se la cultura sovietica lo faceva passare per un pezzo da museo. Quando all’università ho letto la Commedia in russo, intuivo che c’era di più. Così da un rigattiere ho comprato sottobanco un’edizione italiana e ho studiato la lingua: nella voce viva di Dante, ho scoperto una sensibilità che mi era familiare.

 

 

Non le sembra paradossale che sia una poetessa, e non una filosofa, a lottare per difendere la ragione?

 

Molti si stupiscono, pensando che la poesia appartenga alla sfera dell’irrazionale. Ma proprio i grandi poeti difendono la ragione, l’«intelligenza nova» di cui parla Dante. La contrapposizione tra ragione e cuore è nata solo dopo che la ragione è stata separata dalla pienezza della vita umana: così, s’è identificata la prima con un freddo principio analitico e il secondo con le pure emozioni. Ma un cuore senza ragione vede solo fantasmi.

 

 

Esempi?

 

Pensi all’arte contemporanea, i risultati sono sotto gli occhi di tutti: performances con l’immondizia, incubi, opere piene di panico... Ho l’impressione che la cultura occidentale sia in preda al sonno della ragione. La banalità regna ovunque. Pensi che al prestigioso Poesiefestival di Berlino, dove sono stata quest’estate, solo tre poeti impiegavano ancora parole nei loro componimenti: tutti gli altri soffiavano nel microfono, usavano il sintetizzatore, facevano rumori o saltavano.

 

 

La morte della ragione trascina con sé anche il linguaggio, come se non ci fosse più un’esperienza da esprimere...

 

Per me è stato un segnale tremendo: al posto delle parole, restano suoni vuoti. Non basta vivere qualcosa per averne esperienza: i miei studenti possono sedersi e ascoltarmi, ma non è ancora esperienza. Dipende da come ti poni: devi esserci, con tutto te stesso. L’esperienza è un darsi senza riserve, non puoi capire qualcosa standotene in disparte. È un’altra illusione della ragione moderna: pretendere di conoscere qualcosa senza parteciparvi. In Russia lo vediamo bene: con tutto quello che abbiamo vissuto sotto il regime, non abbiamo ancora capito cosa ci è successo.
Come s’è arrivati a tanto? Come ne siamo usciti? L’abbiamo provato sulla nostra pelle, ma non è ancora un’esperienza.

 

 

Alla consegna del Premio Solženicyn, ha parlato della «necessità di una liberazione interiore».

 

Come ha detto anni fa il metropolita Antonij di Surož: «Dopo la nostra esperienza, abbiamo qualcosa da dire al mondo». Altro che l’impossibilità della poesia dopo Auschwitz! Ma questa possibilità sarà solo per chi in questo «noi» potrà dire «io»: non io come vittima della storia, ma io con un nome e un cognome, io personalmente.

 

 

Le rivoluzioni e le tragedie del Novecento hanno mostrato a cosa porta questa ragione diventata irragionevole. Oggi quale rischio vede?

 

Dobbiamo affrontare una nuova ideologia, più inafferrabile ma non meno totalitaria. Non so quanti se ne rendano conto, non si tratta semplicemente del consumismo. L’uomo, traumatizzato dalle vicende del Novecento, vede un pericolo in ogni verità. Si trincera in un mondo costruito a sua misura, dove non può trovare posto il miracolo, il soprannaturale, ciò che non è logico.

 

 

È una realtà interamente artefatta...

 

Ma ha le gambe corte: qualcuno può vivere senza una certezza da affermare?

 

(Fabrizio Rossi - tratto da tracce.it)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.