BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LAICITA’/ Sorpresa: Sarkozy chiede alla Francia “chi siamo” e scopre il vuoto

Pubblicazione:

croceradiciR375_07dic09.jpg

 

Due fatti sono accaduti a pochi giorni di distanza. Apparentemente senza un rapporto diretto. Il primo, il 3 novembre, riguarda l’Italia: la sentenza della Corte europea a proposito del crocefisso nelle scuole pubbliche. Il secondo, il 5 novembre, riguarda la Francia: il ministro dell’immigrazione, Eric Besson, ha lanciato una campagna consultiva centrata sulla seguente domanda. «Cosa vuol dire essere francesi, oggi? Quali sono i tratti che caratterizzano l’identità francese?».

Tra i due fatti c’è una certa simmetria. Non voglio tornare qui sulla decisione della Corte europea, ma mi colpisce la motivazione addotta. La Corte non vede come «esporre nelle aule delle scuole pubbliche, un simbolo […] associato al cattolicesimo […] possa servire al pluralismo educativo che è essenziale alla preservazione di una “società democratica”». È chiaro che con una tale motivazione chi ha vinto il processo non é tanto la signora Lautsi o la sua sete di trovare giustizia, bensì il principio della “laicità” alla francese.

La sentenza è coerente perché dice che «l’obbligo di esporre un simbolo di una data confessione in un esercizio pubblico […] in particolare nelle aule, ristringe il diritto dei genitori di educare i loro figli […] e del diritto di bambini di credere o non credere».

Ma proprio nei giorni scorsi, nella patria della laicità, ci si è resi conto che a forza di togliere e tagliare, ridurre e censurare, sciogliere e abrogare tutto il religioso possibile perché la libertà dell’individuo non sia ostacolata da retaggi che limitano la libera scelta del cittadino, si é giunti al punto di non capire più che cosa vuol dire essere se stessi: appunto francesi. Il sentirsi parte di una nazione (non dico patria perché apparirebbe un linguaggio caro a Pétain) cosa significa? Quali “tratti” deve avere una persona che voglia sentirsi francese?

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
08/12/2009 - laicità (laura cioni)

Molto interessante. Chissà che a poco a poco la figlia primogenita della Chiesa ritrovi la via del ritorno.