BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ L’Avvento di una promessa per la vita: Henry James e la "Tigre nella jungla"

Pubblicazione:

tigregiunglaR375_08dic09.jpg

 

Il romanzo breve La tigre nella giungla di Henry James non ha nulla da invidiare alle opere solitamente più ampie dell’autore, che lo scrisse in pochissimi giorni, nel 1903. Le limitate dimensioni non impediscono l’eco dell’infinito, tanto che la critica lo ritiene uno dei capolavori della maturità di James.

La trama, probabilmente di impronta autobiografica, narra la vicenda interiore di un uomo, John Marcher, che attende per tutta la vita un evento che dia una svolta alla sua esistenza. Tutto il suo tempo è speso aspettando qualcosa di terribile, come il balzo improvviso di una tigre nel folto della foresta dei giorni. Quando esso accade, egli pare non accorgersene, non se ne lascia sfiorare. Eppure

una donna, May Bartram, l’unica a sapere da lui il segreto che gli scompiglia l’esistenza glielo aveva descritto, seppure in modo misterioso: fin dall’infanzia, nel più profondo di voi, avevate portato il presentimento e la convinzione di un fatto molto raro e strano – terribile forse, forse prodigioso – che vi avrebbe colto o presto o tardi, che già stava dentro le vostre ossa.

Con l’intuito di chi ama, gli dà un nome, una fisionomia: Forse state descrivendo nient’altro che l’attesa, o in qualche modo la paura, comune a tanti, dell’amore?

L’uomo, pur sorpreso, nega che il fatto abbia un volto così banale, ma chiede alla sua compagna di vegliare con lui per tutto il tempo che occorrerà finché esso si sveli. E così sarà: la loro relazione condivide un segreto ed essi rendono la loro amicizia un’abitudine quotidiana. Passano gli anni e la comune attesa fa sì che non sia necessario per loro risalire alle sorgenti di un fiume: sentono che la loro barca scende in piena armonia con la corrente.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >