BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIAGGIO NELLE OPERE/ Diesse Lombardia

Pubblicazione:

Un modo di intendere l’insegnamento in chiave moderna e nello stesso tempo pieno di stimoli culturali. E’ la storia di Diesse, “Centro per la formazione e l’aggiornamento – Didattica e Innovazione Scolastica, un’associazione di insegnanti operante dal 1987, che aderisce alla Compagnia delle Opere. I fini sono molteplici, innanzitutto quello di sostenere il lavoro di ciascun docente all’interno della scuole, fare corsi di formazione e aggiornamento, partecipare a progetti sull’innovazione scolastica. Da questa storia ventennale nasce il 15 giugno 2006 Diesse Lombardia, un’articolazione regionale dell’associazione che ha sede in Milano, via Pergolesi 8. Questo sviluppo della vita associativa è stato voluto allo scopo di incrementare la presenza culturale nelle scuole e nelle realtà formative lombarde; ampliare l’offerta formativa per gli insegnanti delle scuole statali e paritarie, fornire agli insegnanti uno strumento per intervenire sulle politiche educative della Regione e degli enti locali. Partecipare a progetti e ricerche che portino ad un approfondimento della cultura professionale e ad interventi significativi in vista dell’innovazione della scuola, sia sul piano organizzativo che didattico.

 

Tante sono state le battaglie culturali combattute da Diesse nei suoi vent’anni di esistenza in tutte le fasi della riforma e dell'innovazione scolastica, per affermare che il compito educativo e formativo è responsabilità prioritaria di una società che voglia costruire il proprio futuro difendendo la centralità dello studente e del suo bisogno formativo, contro logiche di tipo corporativo che spesso bloccano possibili cambiamenti. Ciò che ha caratterizzato queste battaglie culturali è la convinzione che condizione essenziale per impedire il declino della scuola è la piena realizzazione dell’autonomia scolastica e della parità scolastica.

 

Ad esempio uno dei problemi che viene oggi affrontato da Diesse Lombardia è quello della presenza degli stranieri nelle scuole. E' stata realizzata una raccolta di firme per un Appello “NO all'inserimento indiscriminato, SÍ all'accoglienza efficace e rispettosa di tutti”, rivolto al Ministro della P.I., al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale “Nella convinzione che questa situazione sia un ulteriore aspetto di quella emergenza educazione che più volte abbiamo segnalato, e nel desiderio che si confermi invece l’educazione quale risorsa fondamentale della persona, come associazione – afferma Mariella Ferrante, Presidente di Diesse Lombardia – vogliamo con quest’Appello farci carico del disagio degli studenti e dei docenti e proporre alle autorità istituzionali delle soluzioni”.

 

Molte sono le esperienze positive in risposta al bisogno formativo che mirano a far evolvere la professionalità del docente e a riguadagnare una stima per il suo lavoro.

 

A tutto ciò contribuiscono anche le riviste che sono in distribuzione presso la sede di via Pergolesi: “Libertà di educazione” – rivista ufficiale di Diesse - , “MC2” - rivolta in particolare agli insegnanti di area scientifica - , “Zetesis” – rivista per i docenti di latino e greco -, “Linea tempo” –rivolta ai docenti di area umanistica -, “Iniziare”, rivista per l’infanzia. Infine ci sono i Quaderni di Diesse Lombardia che riportano i contenuti dei corsi fatti, per esempio sui disturbi specifici di apprendimento e sulla scrittura.

 

Diesse Lombardia, come ente accreditato presso il M.P.I., ha presentato una ricca gamma di corsi e interventi formativi che possono essere realizzati su richiesta di singole scuole o che verranno realizzati centralmente. Al fine di contribuire alla formazione professionale degli insegnanti, Diesse Lombardia ha stipulato due convenzioni con le Università: l'Università Cattolica del Sacro Cuore e con il Centro di Ateneo per la Qualità dell’Insegnamento e dell’Apprendimento dell'Università di Bergamo.

 

(Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.