BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ARTE/ Caravaggio e il barocco, i due ospiti “eccezionali” di Napoli

Pubblicazione:

castelsantelmoR375_22gen10.jpg

 

La mostra napoletana “Ritorno al Barocco - da Caravaggio a Vanvitelli”, è stata inaugurata il 12 dicembre ma resterà fino ad aprile. Il percorso dei due secoli d’arte, noti come il trionfo di questo stile, riguarderà alti esponenti, da Caravaggio fino a coloro che hanno fatto grande la stagione tardobarocca e che hanno introdotto il neoclassico, come Vanvitelli. Le sedi sono tra i più prestigiosi musei e luoghi di memoria, come Capodimonte, dove le opere - da Battistello Caracciolo a Ribera, da Massimo Stanzione ad Andrea Vaccaro, da Mattia Preti e Luca Giordano a Francesco Solimena e Paolo de Matteis, da Domenico Antonio Vaccaro a Filippo Falciatore e Francesco De Mura - avvieranno “il viaggio”. 

 

Castel Sant’Elmo - il maniero di origini angioine, situato in uno dei quartieri più conosciuti dell’area collinare della città, ospita una mostra di dipinti, sculture e arredi del ‘600 e del primo ‘700 che, provenienti da chiese e musei della città, sono stati restaurati in questi ultimi anni dalle Soprintendenze napoletane -, il Museo duca di Martina in Villa Floridiana - con gli stupefacenti astucci e le tabacchiere d’epoca - la Certosa e Museo di San Martino - con “l’elogio dell’illusione” trionfante di Cosimo Fanzago -, Museo Pignatelli e Palazzo Reale. Oltre ai suddetti, la grande mostra interessa anche siti ordinariamente aperti al culto o ad attività caritatevoli come la basilica di Santa Maria della Sanità - situata in quartiere ricco di storia e di cultura e dove negli ultimi tempi cooperative di giovani stanno dando avvio ad una serie di iniziative turistiche e culturali - e il Pio Monte della Misericordia, vicino alla cattedrale. All’interno di questa chiesa si trova il capolavoro dell’arte figurativa secentesca: le Sette Opere di Misericordia di Caravaggio.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >