BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CARRON/ 10. L'eccedenza della fede, antidoto alla crisi

Pubblicazione:

operaio_cantiereR375.jpg

 

La fede, cioè, che corre il rischio di lanciare avanti la gamba senza avere ancora la certezza della terra che troverà e che pure è capace di compiere questo movimento perché sa che il suo desiderio di camminare non è campato per aria! Una fede che, grazie a questo suo movimento, ravviva la ragione, accompagnandola al di là delle secche nelle quali finisce per ritrovarsi ogni volta che pretende di sostenersi da sola. Una fede che, senza rimuovere la realtà della storia e del mondo così come sono, rimane però ben consapevole della novità di cui è portatrice.


All’uomo contemporaneo che è spinto a non credere più a niente - disorientato dal flusso continuo di messaggi e stimolazioni a cui è sottoposto e sfiduciato dei tanti tradimenti che nella vita privata e in quella pubblica ha subito o praticato - solo una tale fede, rinsaldata dalla memoria e dall’ esperienza di passi - nostri e di altri - già compiuti, può avere qualcosa da dire. Come in altre epoche storiche, la sfida è, dunque, lanciata. Come ha scritto Paul Ricoeur, infatti, «noi veniamo dalla civilizzazione che ha ucciso Dio, cioè che ha fatto prevalere l’assurdo e il non-senso sul senso. Questo, però, provoca una profonda protesta. Uso questa parola che, nel senso, è vicina alla parola attestazione, perché l’attestazione adesso procede dalla protesta che il nulla, l’assurdo, la morte non sono l’ultima parola.


Questo raggiunge la mia questione sulla bontà poiché la bontà non è soltanto la risposta al male, ma è anche la risposta al non-senso. Nella protesta c’è la parola "testimone": si pro-testa prima di poter at-testare» (Ricoeur, 2000). Davanti alla portata di tale sfida chi ha un po’ di testa per capire non può che impallidire, considerate le nostre modeste forze. Tuttavia, la constatazione che questa fede ha attraversato la storia e che molti uomini in tutto il mondo sono ancora aperti alla sua chiamata può convincerci che non è solo sulle nostre forze che siamo chiamati a fare quel passo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.