BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Cassiodoro, il monaco che testimoniò la fine dell’Impero Romano

Pubblicazione:

cassioromanoR375_06gen10.jpg

 

Della sua vita sappiamo poco. Sono in atto da anni scavi archeologici che ci diranno qualcosa in più. Ma le sue opere sono molte e importanti, spaziano nei campi più disparati: scrisse orazioni, trattati di cronaca ecclesiastica, di storia della società o a carattere esegetico. Oltre alle Variae: si trattava di lettere che diventarono un modello nella letteratura cristiana, imitato da san Gregorio Magno fino a Petrarca. Queste avevano un’accezione ben diversa da quelle moderne. Spesso capitava che il destinatario non le ricevesse. E che, quando ciò capitasse, non fossero considerate un messaggio personale; fungevano da pretesto per esporre il pensiero dell’autore, o per fornire esortazioni di natura morale. In queste risiede una miniera di notizie sulla tarda antichità, di carattere politico, religioso o civile. Oltre che informazioni sui particolari della vita di tutti i giorni.

 

Perché, nonostante l’importanza, il personaggio è sconosciuto ai più. Oltre ad essere citato, sulla maggior parte dei libri di testo, in maniera telegrafica?

 

Il successo dell’ordine benedettino ha finito per inglobare l’esperienza del Vivarium, non permettendogli di diventare il nucleo di un grande ordine e fagocitando esperienze simili. Inoltre Cassiodoro rimase sempre fedele a Teodorico. La storiografia di stampo romantico ha semplificato gli avvenimenti, definendo i goti meri invasori germani e tacciando Cassiodoro di collaborazionismo. Boezio, ad esempio, in realtà ben più ambiguo e dedito agli intrighi, essendo caduto “martire”, ebbe miglior fama. Cassiodoro quella di un vile. Nonostante il fatto che il governo di Teodorico fu, nel mondo antico, uno dei migliori in termini di moralità, lungimiranza e intelligenza. I secoli in cui visse Cassiodoro, infine, non hanno mai suscitato il favore del grande pubblico. Nelle scuole sono molto trascurati, definiti come periodi di decadenza e nient’altro.

 

In che modo la conoscenza di Cassiodoro contribuisce a smitizzare questa idea?

 

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVISTA, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >