BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LAICITA’/ Ecco perchè in Sudamerica la fede cattolica vincerà la sfida dell’islam

Pubblicazione:

america_latina_chiesaR400.jpg

Il “sostrato fondamentale” del primo grande meticciamento, quel “sui generis” che ha costruito la fisionomia essenziale dell’uomo latinoamericano, è portatore di un sentimento diffuso di solidarietà, di sollecitudine verso il bisogno dei propri simili, di soccorso all’indigenza, di reazione al dolore e alla sofferenza, propri della cultura cattolica. Questo fa sì che le nuove migrazioni trovino una sostanziale comprensione e tolleranza.

Dove il cattolicesimo ha permeato la vita degli uomini l’accoglienza è più condivisa, la discriminazione è considerata un disvalore, la difesa degli egoismi - che pur esiste - è più facilmente bandita nella stima sociale. Per questo il nuovo mondo nato da un gigantesco meticciamento può insegnare molto al vecchio, alle prese con l’inevitabile e gigantesco rimescolamento che si sta producendo sul suo territorio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
12/10/2010 - Fede e violenza: una triste realtà (sandra fei)

Si vede che l'autore non ha mai vissuto nel cuore del Sudamerica (che non è l'Argentina...)! E' apprezzabile, ma fuori posto, il sentimentalismo che mette nell'articolo. Non so dire come potrà il Sudmamerica vincere con la fede cattolica l'Islam, ma so che invece è possibile che una spinta venga dalla cultura di quei paesi, non per il loro "meticciamento" ma per una grazia di fedeltà che il Signore ha concesso in quel punto del mondo. Resta tuttavia una forte, fortissima tendenza alla violenza, che gli stessi sudamericani riconoscono come intrinseca alla loro natura o alla loro cultura. Una violenza nascosta ma spaventosa. Una violenza che, come la mafia da noi, nulla ha a che vedere con la fede e che non accetta l'umiltà autentica che la nostra fede cattolica implica. Per cui, cerchiamo di essere più seri e guardiamo in faccia la realtà. C'è un mondo dove l'altro non esiste se non per i miei comodi e siamo un po' tutti. In Sudamerica però - forti anche di un doloroso complesso di inferiorità - i popoli hanno una fede troppo spesso superstiziosa e come noi in Europa, sono poco propensi a dare e a darsi per gli altri. Altrimenti perché le popolazioni sono ancora così schiacciate da pochi forti e permeate dalla violenza pubblica e privata?