BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SINODO/ Viaggio in Medio Oriente, alle radici della Chiesa cattolica

Pubblicazione:

chiesa_maronita_moscheaR400.jpg

Si conclude domenica il Sinodo delle Chiese cattoliche del Medio Oriente. L’appuntamento è importante per ragioni di politica internazionale, data la delicatezza dello scacchiere mediorientale per le sorti della pace mondiale, ma soprattutto è importante per il futuro del cristianesimo nei territori che ne hanno visto la nascita e il primo sviluppo. Quegli stessi territori dai quali i cristiani rischiano oggi di scomparire.

Il cattolicesimo di queste zone – come del resto tutto il cattolicesimo «orientale» è poco conosciuto da noi. E per questo che le Edizioni Terra Santa hanno pubblicato, anche in vista del Sinodo, una Breve storia delle Chiese cattoliche orientali in Medio Oriente, scritta da Alberto Elli. Effettivamente duemila anni di storia cristiana hanno prodotto un paesaggio piuttosto complicato, nel quale non è facile orientarsi. Gli stessi nomi delle Chiese qui presentate – maronita, greco-melchita, copta, etiopica, armena, caldea, sira – ci suonano del tutto sconosciuti, li confondiamo tra di loro; al massimo ci appaiono come l’eco di un passato lontano e misterioso.

Con abbondanza di riferimenti storici e cronologici Elli ci conduce a ripercorrere origine, caratteristiche e storia di ognuna di queste Chiese. Non è possibile seguirlo qui neppure per grandi linee. Basti ricordare alcuni decisivi snodi che tutte queste diverse Chiese hanno dovuto attraversare.Esse sono tutte di origini antichissime e spesso di ascendenza addirittura apostolica. Hanno attraversato la prova delle persecuzioni nei primi secoli e quella – per certi versi più dolorosa – delle divisioni e degli scismi.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
22/10/2010 - La Chiesa è comunione. (claudia mazzola)

Io ringrazio Gesù di aver fatto la Chiesa cattolica, oggi sono 5 anni che mi ci sono sposata, non ne potrei più fare a meno, è il mio rifugio, la mia forza, il mio sostentamento ed il bello è che vi trovo sempre qualcuno che condivide con me l'Eucaristia.