BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Václav Havel: solo lo stupore ci salva da una globalizzazione senz’anima

Pubblicazione:

Václav Havel (Ansa)  Václav Havel (Ansa)

Secondo Havel, solo lo stupore e la consapevolezza che le cose non sono così ovvie può farci superare questo periodo oscuro. Questo stupore davanti al mistero del creato lo provoca a una serie di domande: qual è il significato di tutto ciò che esiste? È possibile il non-essere? “È possibile che le cose esistano perché noi possiamo stupirci, e che noi esistiamo perché ci sia qualcuno che si stupisca. Ma perché è necessario che vi sia qualcuno che si stupisce? E che alternativa c’è alla vita?”.

Un groviglio di interrogativi che agitano ancora l’animo di questo drammaturgo settantenne innamorato della vita, che non ha ancora smesso di cercare, e di stupire il suo pubblico, compreso quello delle multisale, perché da qualche mese si è messo in testa di fare del cinema...



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
03/11/2010 - globalizzazione senz'anima (maria schepis)

Bellissime le riflessioni di Havel e sicuramente importanti, perchè cogliere l'armonia spezzata che ci circonda è fondamentale per dare una svolta a questa società malata.Sicuramente l'errore più grave di oggi è l'arroganza quasi sprezzante con cui ci si dimentica che uomo-natura ambiente-economia sono binomi inscindibili.In nome del progresso si incrinano certezze che poi sono fondamentali per il nostro benessere.Trovo profondissimo inserire l'uomo con le sue necessità in questo cosmo di natura,una visione nuova ma antica nella sua origine.Ho davanti gli occhi le immagini di dolore di chi ha fame e sete.Per colpa di chi?Di chi vuole e ha voluto ricchezze enormi a discapito di uomini buoni,colpevoli solo di vivere in contesti socio-ambientali che li hanno resi dei reietti.Così non può continuare,ritroviamo l'equilibrio perso,ascoltiamo quella voce d'infinito che è dentro di noi ma che ostinatamente rifiutiamo di sentire.Rendiamo umana la globalizzazione,ci conviene perchè proprio noi occidentali incominciamo ad essere la parte più debole,e, se la ruota gira, mi pare che abbia preso una direzione a noi non favorevole.E prima che qualcosa muti stendiamo una mano a quei nostri fratelli a cui abbiamo tolto tutto,forse ritroveremo pezzi del nostro animo smarrito