BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FOTOGALLERY/ Robert Doisneau, il meraviglioso nel quotidiano

Pubblicazione:

Doisneau_bacioR400.jpg

Robert Doisneau, il cantore di Parigi, immortalata in immagini di realtà semplice e quotidiana, nacque in una banlieu parigina e conobbe un’infanzia di ristrettezze economiche. Studiò da ragazzo litografia all'école Estienne, presso Chantilly. Venne poi assunto all'età di ventidue anni, dopo aver lavorato come assistente dello scultore André Vigneau, presso le officine della Renault di Billancourt come fotografo industriale. Dal 1945 cominciò a lavorare con Pierre Betz, editore del giornale Le Point e dal 1946 divenne fotografo indipendente per l'agenzia Rapho, fondata da Charles Rado e gestita all'epoca da Raymond Grosset; Doisneau rimase un fotografo della Rapho per circa cinquant'anni.
Nel 1947 incontrò Jacques Prévert e Robert Giraud e, nello stesso anno, vinse il Kodak Prize. Morì a Montrouge, un sobborgo sud-est di Parigi, e venne seppellito a Raizeux, accanto alla tomba della moglie.
Un’esistenza trascorsa nella periferia parigina di Montrouge, cogliendo immagini sincere e umoristiche della vita di tutti i giorni e prendendo in questo modo le distanze da molti suoi contemporanei, che al contrario cercavano in fotografia particolari effetti ottici e pittorici.
La sua opera più conosciuta è "Le Baiser de l'Hôtel de Ville" (Il Bacio presso l'Hôtel de Ville), la foto, scattata nel 1950, di una coppia di ragazzi che si baciano, lungo le caotiche vie di Parigi. L'identità della coppia fu un mistero fino al 1993, quando Denise e Jean-Louis Lavergne denunciarono l'artista per averli fotografati senza la loro volontà. Questo portò Doisneau ad ammettere che i due personaggi dell'opera erano Françoise Bornet e Jacques Carteaud, due attori e modelli.
Fino al 17 novembre una mostra, allo spazio Forma di Milano, ne ripercorre la opera.
 

CLICCA >> QUI SOTTO PER GUARDARE LA FOTOGALLERY DI ROBERT DOISNEAU
 



  PAG. SUCC. >