BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

JANE AUSTEN/ L’esperta di letteratura: Guerra dei sessi e disincanto femminile al centro dei suoi romanzi

Pubblicazione:

Jane Austen  Jane Austen

 

 

JANE AUSTEN - E come rilevato da Virginia Wolf nei suoi saggi, un’altra dote di Jane Austen è l’ironia, con cui talvolta si distacca per criticare i suoi personaggi. Al centro dei suoi capolavori, come Ragione e Sentimento e Orgoglio e Pregiudizio, ci sono le campagne inglesi popolate da aristocratici e alta borghesia, descritti con grande attenzione al costume, inteso come modo di vivere. «La narrazione di Jane Austen è arricchita da dialoghi molto vivaci ricalcati dal teatro - osserva Fortunati -. E l’obiettivo è mettere in risalto i pregiudizi della cultura patriarcale nei confronti delle donne e la battaglia tra sesso maschile e femminile, che si sviluppa soprattutto all’interno della borghesia di inizio Ottocento. E che ha a che fare soprattutto con il tentativo dei padri borghesi di costringere le figlie a sposare dei ricchi aristocratici». Tra i personaggi più riusciti di Jane Austen quello di Emma, che dà il titolo al romanzo omonimo. «Si tratta si una ragazza che compie un rafforzamento della sua identità femminile attraverso una serie di disillusioni o di rapporti con figure maschili giudicati nel tempo come negativi. Sviluppando una consapevolezza di sé e un’identità in grado di accettare anche gli sbagli, tipica anche di altre figure dei romanzi di Jane Austen».

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU JANE AUSTEN
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >