BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIRITTO/ L’autodeterminazione è costituzionale o no?

Pubblicazione:

giustiziarottaR375_01set09.jpg

In conclusione, nell’impostazione seguita dalla Costituzione, incentrata sulla nozione di persona umana (e sulla sua dignità come status che la contraddistingue, atta perciò a limitare le pretese individuali), prescindendo pure dalla questione se la “salute” e la “vita” siano, oltre che un diritto, anche un dovere, non possono ritenersi storicamente comprese quelle impostazioni individualistiche che consentirebbero agli interessati di violare verso se stessi il principio del rispetto della persona umana, come ad esempio la pratica volontaria delle mutilazioni, oppure l’assunzione di sostanze che possono alterare o danneggiare lo stato di salute fisica e psichica; né perciò, a maggior ragione, possono permettersi pratiche che volontariamente mettano fine alla vita. Ed anche quando i singoli atti di autodeterminazione individuale si possano porre per il singolo come estrinsecazione di un diritto rispetto ad un altro (il classico esempio è quello del diritto alla salute o alla vita, in relazione alla non accettazione per motivi religiosi della emotrasfusione) deve dirsi che la valutazione del legislatore, nell’individuazione di un ragionevole punto di equilibrio tra i diversi beni costituzionali coinvolti, deve essere compiuta pur sempre nel rispetto della dignità della persona umana.

 

VAI ALLA NOTIZIA DEL CONVEGNO DI MARTEDI' 9 FEBBRAIO, CLICCA SU QUESTA SCRITTA

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.