BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTERATURA/ Palomar, quel cattivo maestro di Italo Calvino che combatte lo stupore

Pubblicazione:

hopper_finestraR375.jpg

 

Calvino dà a Palomar, emblema della curiosità umana, il nome del famoso osservatorio astronomico californiano. Giustamente è stato scritto di questo libro: «Fermati Calvino, di pessimismo si può morire». L’autore riassume la sua storia in due frasi: «un uomo si mette in marcia per raggiungere, passo a passo, la saggezza. Non è ancora arrivato».

 

Qualche esempio della corrosione delle certezze di cui intere scolaresche si sono nutrite. Palomar guarda le onde del mare «e a ogni momento crede d’esser riuscito a vedere tutto quel che poteva vedere dal suo punto d’osservazione, ma poi salta fuori sempre qualcosa di cui non aveva tenuto conto». Bello, la realtà è più grande, ma Palomar non regge allo scacco e «s’allontana lungo la spiaggia, coi nervi tesi com’era arrivato e ancor più insicuro di tutto».

 

Ascoltando il fischio dei merli, alternato alle loro pause, Palomar «spera sempre che il silenzio contenga qualcosa di più di quello che il linguaggio può dire. Ma se il linguaggio fosse davvero il punto d’arrivo a cui tende tutto ciò che esiste? O se tutto ciò che esiste fosse linguaggio, già dal principio dei tempi?» Bello, ma ecco la conclusione: «Continuano a fischiare e a interrogarsi perplessi, lui e i merli».

 

Palomar volge il suo occhio indagatore al cielo, ma si accorge «che la piccolezza del nostro mondo rispetto alle distanze sconfinate non risulta direttamente». Più scaltro di Cicerone, di Dante e di quanti hanno percorso lo stesso tragitto dalla terra alla volta stellata, i suoi mezzi di osservazione più raffinati lo inducono a ritenere che, «se i corpi luminosi sono carichi d’incertezza, non resta che affidarsi al buio, alle regioni deserte del cielo. Cosa può esserci di più stabile del nulla? Eppure anche del nulla non si può esser sicuri al cento per cento».

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >