BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISASTRO LAMBRO/ Il "fiume sommerso" è la nostra ombra

Pubblicazione:

Lambro_R375.jpg

 

È vero: capiremo se le trasformazioni di questi anni sono state positive guardando ai fiumi: essi infatti sono delle straordinarie cartine di tornasole delle nostre azioni e dello stato dei territori. Rappresentano quella parte dei luoghi che per prima e più facilmente viene censurata, nascosta, ricoperta e calpestata non appena si presentano le prime difficoltà e contraddizioni. Proprio per questo sono anche la prima e più importante opportunità per ricominciare.

 

Segnato da anni di inquinamento ed oblìo delle sue acque, il Lambro oggi appare come un malato terminale e, nelle notizie di questi giorni, viene spesso descritto come un fiume morto. Ma non è così e non fa bene a lui ed a noi considerarlo in questo modo.

 

Le sue acque si presentano ancora come uno straordinario elemento di vitalità. In esse stesse ci sono ancora il motivo e le risorse per una rinascita non solo del fiume ma dei territori ad esso interconnessi.

 

Bisogna sentirle, tali risorse. Risuonare dei loro suoni. Prendere seriamente il loro grido silenzioso.

 

CLICCA IL PULSANTE >> PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO SUL LAMBRO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >