BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Perché la "scoperta" di Mattei avvenne solo dopo la sua tragica morte?

Pubblicazione:

enrico-matteiR375.jpg

C'è un bella frase su Enrico Mattei pronunciata da uno dei suoi storici avversari che viene spesso dimenticata. Dopo la morte improvvisa per l'incidente aereo (storia ufficiale molto contestata) del presidente dell'Eni, William R. Stott, allora vicepresidente esecutivo della Standard Oil Company of New Jersey, la maggiore società petrolifera del mondo e la capostipite delle cosiddette “Sette sorelle”, disse: «Enrico Mattei aveva a cuore soprattutto gli interessi del suo Paese».

 

Frase di circostanza? Senso di colpa? Non pare proprio guardando la vita e l'azione del presidente dell' Eni, uno degli artefici indiscussi non solo della rinascita nazionale italiana nell'ultimo dopoguerra, ma soprattutto uno dei “grandi italiani” che ha fatto entrare il suo Paese nella storia moderna.

 

Si dimentica molto di Mattei e del suo operato. Ci si ricorda in genere per la morte avvenuta nel tardo pomeriggio del 27 ottobre del 1962 a due minuti dall'atterraggio a Linate sul suo aereo. E per quella tragedia tanto discussa, pare quasi che il “grande italiano” interessi soprattutto se collocato in un “affaire”, dove si sprigionano i miasmi di servizi segreti di diversi Paesi, mafia, regolamenti di conto nella “guerra del petrolio”, scenari di ambiguità velenosa tra gli stessi esponenti dell'Eni nel consueto intreccio “perverso” tra affari e politica.

 

Insomma nella nostra storia nazionale, sul “caso Mattei” prevale la cronaca “gialla” o “nera”, quella che riduce tutto a schematizzazioni patetiche e allo sport nazionale preferito: la scoperta del complotto e la dietrologia. Provate a chiedere a uno studente universitario che cosa ha fatto Enrico Mattei e lui risponderà partendo dalla fine, dall'incidente aereo.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QU SOTTO



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
09/03/2010 - Esisteva invidia e voglia di soppiantarlo! (Silvano Rucci)

Enrico Mattei non ha accumulato capitali per la sua famiglia oppure per il suo partito oppure per i suoi amici! Era nato povero e povero era quando è stato ucciso! Per dare una pensione a sua moglie si è dovuto fare l’impossibile! Questo fatto la dice lunga sul suo essere uomo sensibilissimo ai bisogni degli altri, sacrificando ogni slancio egoistico! L’appellativo di “corruttore-incorruttibile” lui stesso lo giustificava quasi fosse una sfida a dimostrare quanto difficoltosa ed incompresa era la strada da percorrere nel raggiungere quegli obiettivi relativi allo sviluppo energetico italiano, pur a tutti evidenti e sicuramente estremamente positivi negli anni della ricostruzione post bellica! Il poco tempo trascorso dalla sua scomparsa ha già cancellato la sua figura, come se l’insuccesso finale debba essere interpretato come una sua colpa! Invece Enrico Mattei era coinvolgente e determinato nel perseguire risultati altruistici, il bene comune, la liberazione atavica dalla miseria nazionale! Questo palese successo raggiunto da un personaggio semplicissimo ed indifeso suscitava invidia, spirito di emulazione ma anche voglia di soppiantarlo! E così è stato!