BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ARTE/ San Satiro, la pietà del popolo per la morte di Cristo

Pubblicazione:

milano_san_satiro_R375.jpg

 

Ancora la cara discipula Magdalena con amare lacrime stava prostrata a quilli perforati piedi e cridando diceva: Heu dolce el mio maestro. Oramai è tempo de partirse e Johanne dolcemente pregando la madre diceva: Cara la mia madre l’hora è tarda et è apreso al tramontare, lassatelo ormai ungerlo e sepelirlo. Et ella recordandose che figliolo li aveva dato in guardia, per reverentia de esso non volse contraddire a Johanne».

 

Il sacello di san Satiro è stato recentemente chiuso a causa di atti vandalici e la Pietà è visibile dalle grate che la proteggono. Chiedendo al sacrestano, ci si può avvicinare e notare i particolari di un documento di religiosità popolare che raffigura il dolore per la morte di Cristo. La forza dei volti e delle espressioni si imprime negli occhi, si trasmette all’animo e permane nella memoria.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.