BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISI/ Roth, Singer, Werfel: essere ebrei e non perder la speranza quando l’Europa è in pezzi

Pubblicazione:

nebbia_est-europaR375.jpg

 

Di recente Alessandro Piperno dalle colonne del Corriere ha posto in luce tre caratteristiche di scrittori ebrei della mitteleuropa: la loro incapacità di integrarsi con la terra in cui vivono, la solitudine e l’insonnia propria delle sentinelle pronte a individuare i pericoli della notte. L’articolo cita Kafka, Joyce e Svevo, ma anche Roth, Singer e Werfel scrivono storie i cui personaggi presentano qualità simili.

 

Giobbe. Romanzo di un uomo semplice di Joseph Roth, pubblicato a Berlino nel 1930, tre anni prima che l’avvento del nazismo costringesse il suo autore ad abbandonare la Germania, ripercorre la storia del Giobbe biblico. Narra di un pio ebreo orientale, Mendel Singer che, costretto a emigrare in America e sopraffatto dalle disgrazie della sua famiglia e dalla dispersione del suo popolo, si ribella fino alla bestemmia. «Quando cominciavano i primi rumori nelle vie, Singer cominciava la giornata. Nel fornello a spirito bolliva il tè. Gettava un’occhiata timida ma cattiva al sacchetto con gli oggetti sacri appeso alla parete. ‘Io non prego!’ si diceva Mendel. Ma non pregare gli faceva male. La sua ira lo addolorava, e l’impotenza di quell’ira. Sebbene Mendel fosse in collera con Lui, Dio reggeva ancora il mondo. L’odio non poteva toccarlo, né più né meno della devozione».

È così vero che Dio governa il mondo che a Singer viene ridonato tutto, o quasi. Ritrova il figlio malato, lasciato in Europa e ora grande musicista; il ricordo della moglie morta, la pena di una figlia pazza non sono più uno strazio, ma l’inizio di una grande dolcezza: «‘Gravi peccati ho commesso, il Signore ha chiuso gli occhi. Un funzionario io l’ho chiamato. Lui si è tappato gli orecchi. È così grande che la nostra cattiveria diventa piccolissima’. E si riposò dal peso della felicità e dalla grandezza dei miracoli».

 

Nel 1953 la penna di Isaac B. Singer, ebreo polacco fuggito negli Stati Uniti, tratteggia la figura di Gimpel l’idiota. Fin da bambino egli viene ingannato da tutti, compagni di scuola, compaesani, grandi e piccoli. Lui si fa infinocchiare non perché sia stupido, ma perché è convinto che «tutto è possibile, come sta scritto nella Saggezza dei Padri». L’inganno cui è sottoposto continua anche nella vita adulta: viene convinto a sposare la donna più disonesta del paese, la quale gli fa credere di amarlo, poi gli si rifiuta e nel frattempo mette al mondo ben sei figli da altri uomini. Gimpel non cova rancore, ama la moglie, i figli non suoi, i vicini, aiuta persino chi lo tradisce. Il rabbino gli aveva detto: «È scritto, meglio essere stupidi per tutta la vita che malvagi per un’ora soltanto. Tu non sei uno sciocco. Gli sciocchi sono loro. Poiché colui che costringe il suo simile a vergognarsi, perde il Paradiso».

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo

 

 

 



  PAG. SUCC. >