BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Castel del Monte, e il genio di Federico II diventò "pietra"

Pubblicazione:

Castel del Monte  Castel del Monte

 

Venendo da Ruvo di Puglia per una piana di uliveti che si estende a perdita d’occhio, tutt’a un tratto su una modesta altura appare come una magia la sagoma bianca di Castel del Monte.

Difficile riferire l’emozione provata alla sua comparsa: ettari di solitaria campagna all’intorno e all’improvviso l’orma della genialità dell’uomo. Come d’incanto scompare la strada, restano solo i tronchi e i rami degli ulivi contorti fin quasi al tormento e la razionalità geometrica di una costruzione perfetta. L’intervallo di secoli sembra svanire.

 

Eretto verso il 1240 da Federico II di Svevia, Castel del Monte è oggi patrimonio dell’Unesco e gode di uno speciale isolamento: è raggiungibile solo con un bus navetta o a piedi. Niente ne turba la quiete maestosa, come di una grande corona bianca appoggiata alla sommità della collina a tutelare il territorio circostante. Impossibile non essere trascinati dentro il suo silenzio.

 

È noto che Federico II fu chiamato dai suoi contemporanei “stupor mundi” per le sue doti eccezionali di politico, per la varietà dei suoi interessi intellettuali e per la sua lotta accanita contro le ingerenze papali nei suoi domini. Fu suo il primo disegno di uno stato laico, sua anche l’idea di una corte itinerante che seguisse il sovrano negli spostamenti imposti dalla vastità dei territori da governare. In questa corte ebbe la culla la prima poesia lirica in volgare, seppure tradotta dalle produzioni dei trovatori. Autore di un trattatello in latino sull’arte della caccia col falcone, Federico si dilettava di astronomia e di matematica, grazie anche alle sue amicizie con i dotti dell’Islam.

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo su Castel del Monte

 

 

 



  PAG. SUCC. >