BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cultura

UNGARETTI/ Quasimodo? Un pagliaccio, fascista e pappagallo – La lettera del poeta all’amico francese Jean Lescure

ungarettiR375.jpg(Foto)

Ungaretti, nella missiva, non si era limitato ad attaccare Quasimodo, ma, scrivendo della Commissione che attribuisce il Nobel, arrivò a definirli «quattro poeti ridicoli. Gli altri sono uomini di scienza e il più cretino dei quattro è il segretario permanente».

© Riproduzione Riservata.