BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNGARETTI/ Quasimodo? Un pagliaccio, fascista e pappagallo – La lettera del poeta all’amico francese Jean Lescure

Pubblicazione:

ungarettiR375.jpg

UNGARETTI VS QUASIMODO - Ungaretti definì Salvatore quasimodo un pagliaccio, un pappagallo e un fascista. Ungaretti definì così Quasimodo, che a suo avviso gli aveva sottratto il Nobel, in una lettera inviata a all’amico francese Jean Lescure

 

Leggi anche: LETTURE/ Sulle Corti europee aveva ragione Marx: troppa astrazione "fa male" ai diritti


Salvatore Quasimodo, un pagliaccio, un pappagallo, un fascista. Così fu definito da Giuseppe Ungaretti dopo la vittoria del Premio Nobel. Secondo Ungaretti, il nobel spettava a lui. Il durissimo attacco proviene da una lettera del 4 novembre del ’59 che Ungaretti inviò al francese Jean Lescure, amico fidato che più volte tentò di fargli ottenere il Nobel. Ungaretti, nella lettera, accusa Quasimodo di esser diventato antifascista per semplice opportunismo: «Ha collaborato per vent'anni alle riviste fasciste di più stretta osservanza, alle quali nessun poeta collaborava». Il poeta - la cui missiva è contenuta nel volume Giuseppe Ungaretti - Jean Lescure. Carteggio (1951-1966) – rinfaccia al collega anche di scritto un inno per i martiri fascisti, “Coro di morti della rivoluzione” (1933). Poemi sulla Resistenza, invece, ricorda Ungaretti, furono scritti «dopo la fine della Resistenza, molto tempo dopo, perché era la moda».


Leggi anche: LIBRI/ E così gli ebrei finanziarono la stampa di un certo "Mein Kampf" di Adolf Hitler…, di E. Barbieri


CLICCA QUI O SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’ATTACCO DI UNGARETTI A QUASIMODO


 



  PAG. SUCC. >