BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Oropa, Czestochowa, Montserrat: ecco perché il popolo cristiano ha amato le Madonne nere

Pubblicazione:

Scorcio del santuario di Oropa, ove è venerata una Madonna nera  Scorcio del santuario di Oropa, ove è venerata una Madonna nera

 

* NOTA - Va detto che esistevano già alcuni siti (o portali) sul tema delle Madonne nere, molti dei quali riportavano anche alcuni elenchi, più o meno approfonditi. In primis bisogna segnalare il sito Architecture et patrimoine (http://www.culture.gouv.fr/culture/inventai/patrimoine/), curato dal Ministero della Cultura francese. Il sito è il modello perfetto di ricerca. Le schede, tutte relative al territorio francese, sono molte precise e ricchissime di informazioni.

Il sito Vierges Noires (http://viergesnoires.marie-madeleine.com/index.htm) è ad oggi aggiornato solo per la Francia; segnala moltissime Madonne nere (più del sito precedente), ma non dà molte informazioni e talvolta confuse.

Il sito Black Madonnas (http://campus.udayton.edu/mary/resources/blackm/blackm.html) vale per tutti i Paesi e dà più informazioni rispetto al sito precedente, ma talvolta è impreciso.

Il sito Inventaire des sanctuaires et lieux de pèlerinage chrétiens en France (http://www.coldev.org/sanctuaires/index.php?r=cons) è affidabile e schematico, ma ha finora schedato poche Madonne nere.

Il sito Lieux Sacrés (http://lieuxsacres.canalblog.com/) è amatoriale, ma è attento alle Madonne nere ed ha delle bellissime immagini. Vale sostanzialmente solo per la Francia.

Il sito Marie de Nazareth (http://www.mariedenazareth.com/1.0.html) è sintetico ed abbastanza affidabile.

Il sito Notre Dame de France. La Vierge pélerine (http://notre-dame-de-france.com/fr/les-108-statues-qui-ont-pelerine-en-france-en-1995-et-1996) non è specifico sulle Madonne nere, ma alcune delle Madonne di cui parla sono nere; ha delle belle immagini.

Wikipedia, alla voce “Madonna nera”, dà un buon elenco di Madonne nere, soprattutto nella versione italiana (http://it.wikipedia.org/wiki/Madonna_Nera) e tedesca (http://de.wikipedia.org/wiki/Schwarze_Madonna). Molti altri siti che parlano delle Madonne nere, spesso, adottano gli stessi elenchi di Wikipedia.

Il sito Turismo: la Ruta de las Vírgenes Negras (http://infokrisis.blogia.com/2005/072701-turismo-la-ruta-de-las-virgenes-negras.php) elenca le Madonne nere spagnole ed è abbastanza affidabile, ma non dà molte informazioni.

Il sito La diffusion de la dévotion et de l'iconographie de Notre-Dame de Montaigu (http://www.er.uqam.ca/nobel/r14310/NDdBS/NDdeMontaiguDiffusion.html) tratta delle statuette (moltissime delle quali venerate come Madonne nere) ricavate dalla quercia miracolosa di Montaigu (Belgio).

Il sito http://photo.net/photodb/presentation?presentation_id=339344 è un blog, ma ha delle bellissime immagini di Madonne nere francesi.

 

(Claudio Bernardi)

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.