BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ La sfida dei "discepoli" di Newman alla cultura del niente

Pubblicazione:

universita_oxfordR375.jpg

Forse la poliedricità del genio del beato John Henry Newman può indurre a sottovalutare la importanza strettamente filosofica della sua opera. Per stimarne con una certa precisione la grandezza, però, possiamo servirci di una misurazione spaziale in senso letterale e metaforico.  Infatti nella geografia della filosofia si potrebbe dire che il suo influsso si estende dall’area degli “analitici” a quella dei “continentali”.

 

È vero che tale binomio è asimmetrico perché il secondo termine indica un luogo, il primo una scuola. Ma il chiasmo può essere rettificato collocando con un po’ di approssimazione, da una parte, la filosofia analitica nell’area anglo-americana (che trova la sua ispirazione originaria nell’empirismo inglese), dall’altra parte, specificando che per filosofia continentale si intendono sostanzialmente la fenomenologia e la filosofia ermeneutica, regioni teoretiche indubbiamente caratterizzate dal peso preponderante tanto del primo che del secondo Heidegger.

 

Sul filo di questo ragionamento si può constatare che in queste aree hanno operato pensatori cattolici di straordinario valore, il cui pensiero ha in qualche modo tratto origine dal confronto con Newman. Forse non godono a volte della stessa notorietà dei “mostri sacri” loro contemporanei, ma questo certamente non può costituire un metro di valutazione filosofica. Nel versante della cultura anglo-americana giganteggia la figura di Bernard Lonergan, e allo stesso mondo nell’area continentale l’opera di Eric Przywara e di Edith Stein.

 

L’influenza di Newman su Lonergan è stata oggetto di approfondite riflessioni, dunque può bastare qui un accenno alla sua concezione del giudizio, che ha un valore strategico sia nell’epistemologia che nella metafisica. Il filosofo canadese oltre a recepire la distinzione di Gottlob Frege tra enunciato e giudizio, è espressamente ispirato dalla lettura di Grammar of Assent del cardinale oratoriano. Solo in questo modo il giudizio diviene culmine del comprendere riflessivo (“Conoscenza e interiorità”).

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’articolo

 

 

 



  PAG. SUCC. >