BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CRISTIANI/ 1. Samir: i diritti umani possono trovare posto nel Corano

Pubblicazione:

Benedetto XVI (Imagoeconomica)  Benedetto XVI (Imagoeconomica)

«Quei musulmani, quei cristiani e quegli ebrei che sono credenti ma non pregiudizialmente ostili alla modernità devono mettersi insieme e cercare tutto quello che, nelle rispettive tradizioni e Scritture, conferma la Dichiarazione universale dei diritti umani. La posta in gioco è mostrare che i diritti umani non sono un’invenzione occidentale, anche se è stato l’occidente a metterli nero su bianco nella Dichiarazione del 10 dicembre 1948».

Non si potrebbe invocare anche per l’islam la stessa secolarizzazione che ha investito l’occidente, lasciando ad essa il compito di allentare la «morsa» dei principi assoluti?

«No, perché la secolarizzazione avrebbe come unico risultato di favorire il fondamentalismo. Appena i musulmani sentono le parole secolarizzazione e laicità si ribellano, perché per loro laicità è sinonimo di ateismo. Laicità evoca ciò che essi vedono dell’Europa, cioè l’assenza di religione o peggio la lotta contro di essa, com’è avvenuto nei confronti della ribellione moderna contro la religione e la Chiesa. So bene che questa non è laicità, ma laicismo... Pensi che il corrispondente del termine laicità è ‘almâniyyah, ma non è usato».

Una domanda provocatoria. Possono «insegnare» qualcosa i fondamentalisti all’occidente?

«La priorità di Dio e di una legge che ci supera. Dicendo questo è come se dicessero che esistono delle cose assolute, che non tutto è relativo, e proclamassero la salvaguardia di ciò che è intoccabile. Il loro errore si può considerare diametralmente opposto a quello di un certo occidente: se l’occidente relativizza tutto, loro assolutizzano tutto e la vita diviene una variabile dipendente della dottrina. Il mondo islamico non deve invece essere condotto ad assolutizzare la religione o la sharia, ma a distinguere: che cosa è realmente “intoccabile”, sotto le differenze culturali?»

Youssef Boutros-Ghali è intervenuto in questi giorni sugli attacchi alla chiesa di Alessandria, dicendo che l’attentato mirava a scatenare la guerra tra cristiani e musulmani, ma ha ottenuto l’effetto opposto, riavvicinando le due confessioni religiose. Che ne pensa?

«C’è del vero. Ho sentito che i musulmani in Egitto sono andati in molti casi a proteggere le chiese dei cristiani. Possiamo solo desiderare che questo movimento prenda forza, favorendo la presa di coscienza dei musulmani che noi siamo un solo popolo».

La serie di attacchi contro i cristiani «appare sempre di più come un piano particolarmente malvagio di pulizia nel Medio oriente, pulizia religiosa» ha affermato il presidente francese Sarkozy nel suo discorso di inizio anno ai leader religiosi del Paese. È d’accordo?
 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
13/01/2011 - Dettatura (Sangiani) (Antonio Servadio)

circa la nota del lettore Sangiani, ho letto da qualche parte che in origine circolavano parecchie versioni del Corano, come naturale effetto delle molteplici trascrizioni effettuate sulla base del "dettato". Naturalmente, da ciò discendevano variegature interpretative della dottrina. In seguito si decise di conservarne una sola, eleggendola ad unico riferimento ed eliminando tutte le altre. Sarebbe interessante se gli esperti potessero precisare e circostanziare tali vicende, inserendole in una opportuna cornice storica.

 
10/01/2011 - Ma se Maometto ha scritto sotto dettatura di Dio (attilio sangiani)

Mi sembra che ci sia un altro ostacolo formidabile per una interpretazione del Corano consonante alla accettazione dei "diritti umani universali"( Ratisbona...). Lo vedo nella convinzione dei musulmani,anche "moderati",secondo la quale Maometto avrebbe scritto il Corano "sotto dettatura di Dio",e non per sola "ispirazione",come le scritture cristiane. Ciò risulta anche dal fatto che lo studio e la memorizzazione del Corano devono essere fatti nella lingua araba del tempo di Maometto,perchè sarebbe "la lingua di Dio",come se si imponesse l'aramaico ai cristiani ! Se non si può "storicizzare" nulla nel Corano,come sarebbe possibile,ad esempio, eliminare i due "gradini" di cui leggo nell'articolo ?