BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Per John Henry Newman la ragione non è roba da "gentleman"...

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il Beato John Henry Newman  Il Beato John Henry Newman

In Newman poesia e filosofia (nel caso specifico dottrina della conoscenza) sono quindi strettamente collegate ed è utile, a questo punto, richiamare l’attenzione su un altro volume (uscito anch’esso nel 2010) dedicato alla proposta filosofica newmaniana così come emerge dagli scritti universitari (Angelo Bottone, John Henry Newman e l’abito mentale filosofico. Retorica e persona negli scritti dublinesi, Studium, Roma 2010): l’Autore (docente di Filosofia presso lo University College di Dublino), dopo aver messo in luce il debito che Newman contrasse con Aristotele e con Cicerone nell’elaborare la sua concezione del sapere universitario (pp. 49-83), dedica infatti non poche pagine a far vedere come la newmaniana Idea of a University debba essere letta anche alla luce della serrata critica, in essa presente, alla filosofia di John Locke, significativamente associata da Newman all’utilitarismo grandemente in voga alla metà dell’Ottocento.

Con le sue poesie, il nuovo Beato, in fondo, volle anche reagire a quello stesso riduzionismo della ragione a misura umana contro cui, attraverso la critica a Locke, continuava a combattere dal versante universitario mentre non cessava di dedicarsi ai versi. La concezione razionalistico-empiristica della ragione come limitata al mondo dei fenomeni (e dunque incapace di aprirsi intellettualmente al Mistero) era infatti, secondo Newman, una delle componenti del movimento romantico che, da un punto di vista cristiano, potevano rendere problematico un romanticismo attestato esclusivamente sul sentimento; ma l’effetto più pericoloso di quella concezione consisteva, a suo giudizio, nel rendere impossibile giustificare, sulla base di essa, un sapere e una virtù orientati alla conoscenza del bene, lasciando aperta la strada solo all’educazione del gentleman, ruotante sull’eccellenza nella vita sociale.
Newman invece era convinto del fatto che, per quanto fosse bello essere un gentleman (it is well to be a gentleman), solo la Chiesa poteva mirare alla rigenerazione del cuore dell’uomo (the Church aims at regenerating the very depths of the heart).



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.