BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Quel Papa (e quel cardinale) che salvarono la Chiesa dalle mani di Hitler

Pubblicazione:

1938, Hitler entra a Vienna  1938, Hitler entra a Vienna

«La pagina più umiliante della storia della Chiesa». Così il cardinale Eugenio Pacelli, segretario di Stato di Pio XI e futuro papa Pio XII, commentava il comportamento dei vescovi austriaci, che nel marzo del 1938 avevano salutato l’annessione dell’Austria al Terzo Reich con una «Dichiarazione solenne» che, oltre ad accompagnare con «le più grandi benedizioni» la «ricostruzione nazionale, economica e sociale del Reich e del popolo tedesco», invitava tutti i cattolici austriaci a non trascurare il proprio «evidente dovere nazionale», vale a dire il voto affermativo al plebiscito che, il 6 aprile seguente, avrebbe definitivamente sanzionato l’Anschluss.

Si trattava di una dichiarazione sostanzialmente estorta dalle autorità naziste a un episcopato in preda alla paura; ciò non di meno la colpevole acquiescenza dei vescovi austriaci guidati dall’arcivescovo di Vienna, il cardinale Theodor Innitzer, rendeva ancora più amara per la Santa Sede la rapida capitolazione della prima Repubblica austriaca. Con l’Anschluss infatti si realizzava quello che all’interno del Palazzo Apostolico, a partire dalla presa del potere di Hitler in Germania, era divenuto un vero e proprio incubo. Le carte della segreteria di Stato vaticana relative al pontificato di Pio XI - rese disponibili alla consultazione degli studiosi a partire dall’autunno del 2006 - testimoniano eloquentemente la preoccupazione e la sollecitudine con cui papa Ratti e il segretario di Stato Pacelli seguirono nel corso degli anni Trenta le vicende dello Stato austriaco, che in seguito alla dissoluzione dell’Impero asburgico appariva, secondo l’efficace espressione di Benedetto XV, un «capo tagliato dal corpo».

Numerosi gli spunti che meriterebbero di essere approfonditi al riguardo. Volendo limitarci a due soltanto, colpisce innanzitutto la lucidità con cui il Vaticano seppe leggere l’evoluzione politica interna e internazionale dell’Austria, sulla cui sorte sia Pio XI che il cardinale Pacelli nutrivano poche speranze almeno dalla fine del 1935. Una lucidità palesemente in contrasto con l’ottimismo di facciata dimostrato in più occasioni dal governo di Vienna e dall’incaricato d’affari austriaco presso la Santa Sede Rudolf Kohlruss.

Il problema dell’Anschluss, in secondo luogo, offre una preziosa e inedita testimonianza dell’opposizione al nazismo che contraddistinse il magistero di Pio XI e l’azione diplomatica del segretario di Stato. Di questa opposizione - che raggiunse il suo apice nella famosa enciclica Mit brennender Sorge del 14 marzo 1937 - troviamo numerose conferme anche nelle fonti diplomatiche italiane e non solo.
 



  PAG. SUCC. >