BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SENSO RELIGIOSO/ Farouq: io, musulmano, seguo la "rivoluzione" del cuore di don Giussani

Pubblicazione:

Don Luigi Giussani  Don Luigi Giussani

La mia prima impressione è stata che fosse una risposta quasi profetica alla crisi che sta vivendo oggi l’uomo moderno. Al punto che ne sono rimasto stupito. Rispondeva infatti a numerose domande che stavo vivendo nella mia società e nella mia cultura, in quanto musulmano che vive in un’epoca moderna. Trascinandomi dietro una serie di questioni irrisolte, con un dualismo continuo tra ragione e religione, fede e realtà, che ho risolto solo dopo avere letto questo libro. Che è stato un vero e proprio ponte che mi ha consentito di ritrovare me stesso, la realtà che mi trovavo a vivere in Egitto e la mia identità di musulmano. Per questo motivo ho voluto che fosse pubblicato in arabo e presentato al Cairo, in modo che il maggior numero di persone possibili potessero incontrare questa analisi profonda della realtà in cui viviamo oggi.

Lei prima ha accennato al fatto che solo il senso religioso autentico può costituire un argine al fondamentalismo…
 
E’ il motivo per cui sono contento che questo libro sia stato tradotto in arabo. La fede può facilmente trasformarsi in una specie di folklore, in una tradizione svuotata dal suo significato originario, diventando in ultima analisi un’ideologia. Fino al punto che la religione, da una cosa positiva, può diventare uno strumento del Diavolo. Don Giussani, partendo dal presupposto che l’unico luogo dove possiamo incontrare Dio è la realtà, identifica un valido antidoto contro ogni possibile forma di fondamentalismo.
 
(Pietro Vernizzi)
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
25/01/2011 - Una proposta (Antonio Servadio)

Ben appunto è nel Cristianesimo che i "valori divini" prendono concretamente "la forma di un essere umano": nella persona di Gesù. Come sarebbe bello poter trovare questo stesso articolo, in questa stessa pagina, anche nella lingua del Sig. Farouq. A maggior ragione se consideriamo che gli immigrati di lingua araba presenti in Italia, e soprattutto gli egiziani, sono presenti in una significativa percentuale.