BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Quel bene di cui tutti parlano ma che nessuno conosce

Pubblicazione:

Vincent Van Gogh, Campo di grano (1890)  Vincent Van Gogh, Campo di grano (1890)

Il bene comune come principio di riferimento dell’agire sociale trova la sua motivazione nella circostanza che la persona umana deve essere intesa come un fine e non come un mezzo, in quanto ogni forma di collettività (società) esiste solo perché “prima” vi è la persona e, a sua volta, quest’ultima è ontologicamente un essere sociale in quanto nasce da altri, è inizialmente accudita da altri e, successivamente nella normalità dei casi, ha necessità di relazionarsi con altri. Proprio per dare consistenza all’esigenza di socialità è necessario che prima e durante il relazionarsi della persona con gli altri si generino valori (beni) condivisi, altrimenti l’ordine delle reciproche relazioni degenera in contrapposizioni, in rotture e in prevaricazioni.

Dal che possiamo derivarne che la ricerca di valori condivisi è un’esigenza naturale e, quindi, un bene comune, ovvero si sostanzia in un’esigenza di giustizia naturale che ha come misura l’equità dei risultati. L’equità, infatti, deve essere intesa come un’applicazione della legge naturale in un prestabilita congiuntura. La legge naturale permette all’uomo di scoprirsi come essere morale in quanto in lui è connaturato (è nel “cuore”) l’imperativo che è occorre fare il bene ed evitare il male così come si legge nella lettera ai Romani: “Quando i pagani… per natura agiscono secondo la legge… dimostrano che quanto la legge esige è scritto nei loro cuori”.

Il bene comune come strumento di equità diviene così una sorta di “testimone della coscienza” (Giovanni Paolo II) che, alla luce della legge naturale, si trasforma in un giudizio pratico su ciò che è possibile o meno fare e per giudicare le azioni messe in essere, giacché “la regola della vita associativa è la forza normativa che esercita la verità circa il bene comune nei confronti della libertà di ogni associato. Se non esistesse un bene comune, inevitabilmente il diritto, la norma non sarebbe alla fine che l’imposizione del più forte sul più debole” (C. Caffarra).

L’equità, infatti, non si riporta solo all’astrattezza della cosa giusta, ma va oltre per osservare attentamente la realtà anche attraverso gli occhi del “cuore”, ovvero di quell’a priori che ci permette di effettuare un ragionamento e ci costringe ad esprimere un giudizio morale sulla realtà come atto testimoniale della coscienza. Quando si abbandona “il dire del cuore” si mette in essere una posizione tipicamente riduzionista che non tiene presente tutti i fattori in gioco e per questo non completamente ragionevole in quanto sfugge alla complessità del reale e, di conseguenza, non è in grado di dare risposte soddisfacenti. 



  PAG. SUCC. >