BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Da Roth ad Hadjadj, perché il grido di Giobbe ci parla ancora?

Pubblicazione:

Joseph Roth (immagine d'archivio)  Joseph Roth (immagine d'archivio)

In Giobbe l’uomo di ogni tempo può facilmente riconoscere se stesso: privato di ogni suo bene, compresa la salute, egli rifiuta la falsa consolazione religiosa dei suoi amici e rivolge il suo grido direttamente a Dio: “L’Onnipotente mi risponda!”. E Dio, che conosce più di ogni altro il cuore di Giobbe, così audace e così retto nel cercare la ragione del male, raccoglie la sfida e lo induce a riconoscere la sua presenza nascosta sotto la bellezza e il turbine della creazione. Dio ama Giobbe: sa che egli persiste nella vera fiducia in Lui e lo conduce sulla soglia del Mistero. Allora Giobbe accetta e tace. Anche Dio tace e opera, ridonandogli tutto. 

Un libro di Joseph Roth, Giobbe. Romanzo di un uomo semplice, pubblicato a Berlino nel 1930,  tre anni prima che l’avvento del nazismo costringesse il suo autore ad abbandonare la Germania, ripercorre la storia del Giobbe biblico. Narra di un pio ebreo orientale, Mendel Singer che, costretto ad emigrare in America e sopraffatto dalle disgrazie della sua famiglia e dalla dispersione del suo popolo, si ribella fino alla bestemmia.

Quando cominciavano i primi rumori nelle vie, Singer cominciava la giornata. Nel fornello a spirito bolliva il tè. Lo beveva mangiando un uovo sodo col pane. Gettava un’occhiata timida ma cattiva al sacchetto con gli oggetti sacri appeso alla parete. “Io non prego!” si diceva Mendel. Ma non pregare gli faceva male. La sua ira lo addolorava, e l’impotenza di quell’ira. Sebbene Mendel fosse in collera con Lui, Dio reggeva ancora il mondo. L’odio non poteva toccarlo, né più né meno della devozione. Prima, si rammentava, il suo risveglio era lieve, la lieta attesa della preghiera lo destava e il piacere di rinnovare la consapevole vicinanza a Dio. Dal grato tepore del sonno penetrava nell’ancor più segreto, ancor più intimo splendore della preghiera, come in una sala sfarzosa eppure consueta, in cui abitava il potente ma sorridente padre. “Buon giorno, padre!” diceva Mendel Singer – e credeva di sentire una risposta. Un inganno era stato. La sala era sfarzosa e fredda, il padre era potente e cattivo. Sulle sue labbra non venivano altri suoni fuorché il tuono.




  PAG. SUCC. >