BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Pavese e Benedetto XVI: chi c’è al cuore della vita profonda degli uomini?

Pubblicazione:

Santa Brigida  Santa Brigida

Il talento femminile è un talento innato, una disposizione originaria, un assoluto virtuosismo nel conferire al finito un senso. La donna concilia l’uomo e se stessa col mondo, è in armonia con l’esistenza in una misura che l’uomo non conosce. Poiché la donna spiega la finitezza, essa è la vita profonda dell’uomo: una vita tranquilla e nascosta, come è sempre la vita delle radici”. Così Cesare Pavese descriveva il dono che la donna è per l’uomo; le sue parole possono indicare, fatte le debite proporzioni, un punto di vista con cui guardare alle figure femminili presentate da Benedetto XVI nel corso delle udienze da settembre 2010 a gennaio 2011 e pubblicate da Marietti 1820, con il titolo  Donne nel Medioevo. Il genio femminile nella storia del popolo di Dio.

Con la forma tipica del parlato delle udienze, il Pontefice traccia il profilo di 15 donne vissute nel Medioevo o nella prima età moderna. Non di rado egli esplicita il suggerimento che dalle loro vite promana anche per l’esistenza di oggi, così distante non solo nel tempo. Più spesso sono le loro stesse parole e azioni quotidiane a parlare a Dio, alle consorelle, a noi.

Papa Ratzinger sfata un pregiudizio piuttosto radicato, che spesso tiene lontano dall’accostare queste donne dalle molte visioni, dalla vita penitente: egli mostra che i doni mistici non sono affatto solo per la persona che li riceve, ma generano la carità, la comprensione, l’affabilità, il discernimento delle anime e perciò si riversano come una sorgente di pace su tutti coloro che hanno la possibilità di accostarvisi.

Troviamo tra esse vergini che hanno vissuto tutta la via nel chiostro, donne sposate e poi vedove, che si sono dedicate a opere di carità, giovani guerriere come Giovanna d’Arco, che arsa viva per gli errori degli ecclesiastici, non è mai venuta meno all’amore per la Chiesa; regine, popolane come Caterina da Siena, totalmente immersa nella sua città e nei gravi problemi politici del suo tempo, segnato dalla Cattività Avignonese.

In esse l’unione con Gesù, sia voluto e perseguito fin dall’infanzia, sia incontrato più tardi dopo una vita disordinata, è il cardine delle occupazioni quotidiane, che non si limitano alla preghiera, ma si adoperano nell’ascolto dei dubbi altrui, nel conforto dei dolori, nell’aiuto alla necessità materiali. Nascono anche come opera di carità piccoli testi in cui queste donne mistiche raccontano le loro visioni, i doni particolari a loro concessi, affinché diventino utili anche ad altri.



  PAG. SUCC. >