BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Caro John Fante, la critica non avrebbe mai capito il "troppo normale" Svevo Bandini

Pubblicazione:

John Fante (1909-1983)  John Fante (1909-1983)

Ci sono scrittori che raccolgono i frutti (pochi e “spiaccicati” dalla critica) del loro lavoro ancora in vita. Altri sorrideranno in qualche infinità spaziale nel vedere che finalmente qualcuno ha cominciato a comprenderne qualche granello. Questo è successo con John Fante, scrittore italoamericano riscoperto da C. Bukowski sul finire degli anni ottanta di cui Einaudi ha pubblicato da poco l’ultimo romanzo ritrovato Bravo, Burro!.

Ma il vero capolavoro di Fante è Aspetta primavera Bandini, primo della fortuna serie. In questo racconto breve è narrata la storia di una famiglia abruzzese trapiantata in Colorado in cerca di fortuna. Svevo Bandini è un muratore padre di tre figli, sposato a una devotissima donna: Maria. Durante il rigido inverno il lavoro nel cantiere viene sospeso fino alla primavera e allo sciogliersi della neve. Così la famiglia arranca, e Svevo disperato non fa altro che rifugiarsi nell’alcol in compagnia dell’amico Rocco Saccone tra una bettola e l’altra, mentre Maria per migliorare la situazione ricorre all’unica cosa che le da sollievo, la preghiera: «Anche lei aveva la sua via di fuga, un varco verso l’appagamento: il rosario... Rappresentavano grano dopo grano, la sua placida fuga dal mondo». La situazione si fa sempre più critica fino al punto che la donna sarà costretta a mandare avanti il figlio Arturo per chiedere per l’ennesima volta al macellaio accanto a casa di farle credito, semplicemente per sfamarsi: «E allora le tornò in mente, fulmineo, tutto quello di cui c’era bisogno in casa e la colse uno sfinimento simile allo svenimento mentre le sembrava di venire investita da una valanga di sapone, di margarina, di carne, di patate...».  Fino a quando Bandini troverà un lavoro di fortuna presso la donna più ricca e potente della città: Effie Hildegarde. Questo nuovo rapporto sembra almeno in un primo momento  mettere al sicuro la situazione economica della famiglia. Invece giorno dopo giorno metterà a repentaglio lo stesso matrimonio, facendo del muratore il passatempo prediletto dalla potente signora.



  PAG. SUCC. >