BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ARTE/ L’ultimo "miracolo" della Sagrada Familia? Chiedetelo a Oscar T. Blanco

Pubblicazione:

La Sagrada Familia, interno  La Sagrada Familia, interno

Oscar Tusquets Blanco è un architetto di punta catalano di 70 anni. Al suo attivo ha tanti importanti cantieri civili a Barcellona, ma ha anche allestito sale nella sezione delle Arti decorative del Louvre. Da catalano Tusquets Blanco ha sempre seguito con interesse e passione il grande cantiere della Sagrada Familia. Negli anni 70 era stato anche tra i primi firmatari di una petizione, sottoscritta anche da tanta intelligentzia di sinistra italiana (Argan e Zevi, per esempio), per chiedere che il cantiere della cattedrale venisse fermato. Per i firmatari la Sagrada Familia doveva restare come un grande reperto di archeologia contemporanea, in quanto secondo loro la perdita dei progetti di Gaudì pregiudicava ogni possibilità di finire dignitosamente l’impresa. Quell’appello suscitò un enorme scalpore ma ebbe una ricaduta opposta alle intenzioni dei promotori: per reazione quell’anno la raccolta di fondi per finanziare il cantiere ebbe una straordinaria impennata e quindi i lavori ripresero con grande fervore.

 

Sono passati 40 anni da quell’appello e ben 129 anni dalla posa della prima pietra: la Sagrada Familia non è ancora conclusa, ma intanto ha vissuto un passaggio fondamentale con la consacrazione da parte di Benedetto XVI lo scorso novembre. Dal canto suo Oscar Tusquets Blanco in tutti questi anni ha continuato a guardare alla cattedrale sempre con quella riserva che lo aveva portato a promuovere quell’appello. Sinché un giorno di qualche mese fa ha ceduto all’invito di un amico architetto impegnato sul cantiere, Alfons Soldevila, a visitare la nuova Sagrada Familia.

 

Il risultato di quella visita, lunga e accurata, salendo sino ai 60 metri della copertura,  ora lo possiamo leggere sul nuovo numero del mensile Domus, diretto da Alessandro Mendini, accompagnato da alcune straordinarie fotografie di Rafale Vargas. Il testo di Tusquets Blanco è un grande, e quanto mai raro, atto di onestà intellettuale. «Devo ammettere di essere rimasto sbalordito», scrive. «È Gaudì allo stato puro». E ancora: «Se l’architettura è soprattutto spazio e luce, l’interno di questo tempio è Architettura con la A maiuscola: Architettura emozionale e grandiosa di fronte alla quale le eccentricità formali e strutturali sembrano giochi da bambini».



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
13/03/2011 - Grazie a Dio! (Francesco Giuseppe Pianori)

"Il Signore non abbandona il suo popolo" dice la Bibbia. Sono convinto che il buon Gaudì continua a guidare questa sua opera dal Cielo. Esattamente come fu per tutte le cattedrali del tempi passati inziate e continuate per la fede viva delle maestranze e del popolo cristiano. Grazie a Dio c'è ancora fede in chi costruisce ed anche le preghiere di chi ama questa opera contribuiscono a renderla bella come è stata pensata e come è giusto che sia per tutti quelli che verranno dopo di noi. Lunga vita alla Sagrada Familia!