BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIORNALI/ E alla fine Ruby "ispirò" la nuova riforma della giustizia

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

C’è poi un’ulteriore conseguenza che riguarda il piano delle garanzie parlamentari, divenute inadeguate alle nuove esigenze di tutela. Le immunità, infatti, trovano la propria ragion d’essere nell’esigenza storica di preservare l’azione politica del parlamentare da eventuali azioni e sanzioni (solamente) giuridiche capaci di impedirne l’espletamento. Lo sviluppo improprio dell’indagine penale d’inchiesta, tuttavia, rende inadeguata tale prospettiva. Sdoppiata la funzione dell’azione penale, capace ora di provocare anche un giudizio mediatico e popolare volto alla comminazione di una sanzione (solamente) politica, il tradizionale apparato di garanzie costituzionali si mostra ora incapace di fronteggiare le nuove evenienze. Il parlamentare, di conseguenza, resta esposto al sindacato politico dell’opinione pubblica riguardo a fatti che, avulsi dall’originaria dimensione processuale, sono variamente interpretabili e manipolabili.

 

Si spiega così - per concludere - il motivo per cui appare riduttivo e antistorico l’assioma ossessivamente ripetuto nei talk show televisivi, secondo cui il parlamentare sottoposto a indagine penale dovrebbe difendersi solamente nel processo e non già dal processo. Tale assunto, infatti, si riferisce a una dimensione dell’azione penale oramai superata dagli eventi e smentita dai fatti. Per contro, una volta realizzata l’estensione della sfera d’interesse dell’azione giudiziaria, dall’ambito processuale e penale a quello mediatico e politico, anche la sfera di reazione del diritto di difesa del politico-imputato deve ottenere una pari capacità di reazione.

 

Se il contesto di valutazione degli atti d’indagine non è più solo quello processuale, ma è anche quello della piazza mediatica, anche l’attività difensiva del parlamentare deve commisurarsi con tale nuova dimensione. Il tutto, con un definitivo snaturamento delle tradizionali garanzie costituzionali, la cui mancata considerazione falsa e sfasa i termini del dibattito politico-istituzionale di questi tempi sulla demarcazione dei confini fra politica e giustizia.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
04/03/2011 - analisi (Stefano Gianni)

non avrei potuto esprimere meglio il mio pensiero