BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Il "segreto" di Leopardi? Sta in un atomo di carbonio

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

La nebulosa del Cavallo (foto d'archivio)  La nebulosa del Cavallo (foto d'archivio)

Ci sono decine di misteriose coincidenze. Brandon Carter nel 1974 le ha riassunte in un principio, il principio antropico appunto. Ci sono stati in seguito altri enunciati di tale principio, alcuni innocui, altri decisamente fantasiosi. Ma tutti stanno in qualche modo ad esprimere che tutta la struttura cosmica interviene in maniera decisiva e al contempo fragilissima affinché la vita possa svilupparsi da qualche parte nell’universo. Come se la luna ed il cielo stellato rispondessero alle domande del pastore e dicessero “siamo qui per te”.
Pur essendo nato in ambito scientifico, non si può dire che il principio antropico faccia parte della scienza né come strumento di indagine né come legge della natura. Non si può dimostrare scientificamente qualcosa sulla base dell’osservazione di coincidenze per quanto numerose. L’indagine scientifica ha infatti il compito di spiegare i fatti osservati formulando teorie capaci di prevedere altri fatti non ancora osservati e il principio antropico non è in grado di fare questo.
Le coincidenze misteriose però restano. Forse si potrebbe trovare ancora più sorprendente e infine più umana la coincidenza che c’è tra l’esigenza di bellezza e di unità del “cuore” dell’uomo e la struttura delle leggi della natura che tale esigenza rispecchiano.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.