BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IDEE/ Mario Mauro: perché l’Europa di oggi ha ancora bisogno di De Gasperi

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Ma soprattutto, siamo noi ad aver bisogno di De Gasperi. Noi: tutti quelli cioè che pretendono fare politica a partire da un ideale cristiano. “Ciò che ci unisce è più forte di ciò che ci divide” è la frase che Konrad Adenauer, Robert Schuman e De Gasperi amavano ripetere. Queste parole ci fanno comprendere il contributo essenziale che uomini come loro hanno portato alla sconfitta delle ideologie totalitarie. La domanda di una nuova società europea, rispondente alla maturità civile e morale del popolo e allo sviluppo dell’energia che ne deriva. Libertà religiosa, libertà d’educazione, libertà d’impresa, cooperazione tra i popoli, questa la pace duratura che ha voluto De Gasperi. Se quella pace c’è stata ed è ancora una certezza nel nostro continente, lo si deve essenzialmente ad una geniale intuizione figlia di un approccio cristiano alla politica.
Possiamo sperare di uscire dalla drammatica situazione attuale se tutti decidiamo di essere veramente ragionevoli sottomettendo la ragione all’esperienza, se cioè, liberandoci da ogni presunzione ideologica, siamo disponibili a riconoscere quel qualcosa che ci unisce. Questo significherebbe ricordare degnamente, e non solo nella giusta dedicazione di una sala del Parlamento europeo, la figura di Alcide De Gasperi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
03/04/2011 - contro (luisella martin)

Siamo contro tutto e tutti: contro quelli che abbandonano gli animali, contro i clandestini, contro i comunisti, contro i moralisti, contro i politici, contro i traditori, contro i dittatori, contro i magistrati, contro i professori, contro i genitori, contro i preti, contro gli integralisti, contro i figli, contro la falsità, contro gli ipocriti, contro i violenti, contro il modernismo....l'elenco é interminabile! Ci dimentichiamo che ciascuno di noi é stato responsabile di almeno la metà delle nefandezze che attribuiamo agli altri e talora continua ad esserlo senza accorgersene. De Gasperi era un uomo onesto, un santo, come si dice oggi di chi porta la propria croce e quella di altri! Dovrebbe essere studiato nelle scuole come l'ultimo eroe del Risorgimento italiano.