BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAGIONE&FEDE/ Che cosa c’entrano memoria e bellezza con la logica?

Pubblicazione:

Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-1601)  Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-1601)

Che cosa c’entrano memoria e bellezza con la logica? È vero che la logica esprime solo verità necessarie per cui da certe premesse seguono inevitabilmente certe conclusioni? “Inevitabilmente” significa “meccanicamente”?

Incominciamo dalla seconda domanda, sperando che essa poi illumini le altre due. Certo, ci sono tipi di ragionamento che sono necessari, il che significa che è impossibile che le premesse siano vere e la conclusione sia falsa. I sillogismi classici studiati a scuola sono di questo tipo. Se tutti gli uomini sono mortali e Socrate è un uomo, inevitabilmente Socrate sarà mortale.

Si appoggiano sulla necessità anche le ardite formalizzazioni della logica tardo-ottocentesca e primo-novecentesca che si studia tuttora nelle università. Da Frege a Gödel questa logica ha garantito una comprensione molto più precisa della logica delle proposizioni (“se piove, prendo l’ombrello”), di quella predicativa (“qualche professore è sapiente”) e di quella modale (“è necessario che i tifosi del Torino soffrano”). Come si sa, il progetto di una comprensione dell’intera logica tramite questo impianto necessitarista ha trovato nei teoremi di incompletezza di Gödel un limite, nel senso che il grande logico ha mostrato che la formalizzazione, se coerente, non può mai essere completa.

Per quanto utile sia questa logica necessaria (e lo è, nonostante i suoi denigratori), a essa sfuggono alcuni processi razionali, che sono stati normalmente classificati come “ampliativi”, nel senso che allargano la nostra conoscenza anche se perdono in necessità. L’induzione classica è il più noto di questi tipi di ragionamento: un certo numero di campioni esemplificativi mi conduce a identificare una legge generale. Se i campioni sono stati scelti adeguatamente (a caso, ecc.) e l’ipotesi è limitata, l’induzione ha buone probabilità di essere utile alla ricerca.

Tuttavia, rimangono fuori anche da questo tipo di ragionamento processi logici come: certe scoperte scientifiche particolarmente significative (l’aneddoto della mela di Newton ne è una buona metafora), la diagnosi medica, i ragionamenti indiziari (il caso di Cogne), le certezze morali in situazioni nuove (mi fido o non mi fido?). Qui la necessità sembra persa del tutto. Ma si perde anche l’uso della ragione?

C.S. Peirce, celebre logico americano della fine del XIX sec., aveva elaborato un processo per tutti questi casi. Si chiama abduzione o retroduzione ed è il passaggio dal conseguente all’antecedente: nel caso precedente sarebbe “prendo l’ombrello, quindi piove”. Nella logica classica si tratta di un errore (fallacia), ma se usciamo da una logica necessaria, esso può essere giustificato. Come?



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
14/10/2011 - Una lancia per Luisella (Orn Gabriele)

Ho trovato interessante, come studioso di filosofia, questo articolo, ma ancora più interessanti i commenti e in particolari quelli di Luisella e Silvano. Io credo che Dio creandoci a sua immagine ci abbia fornito di una razionalità tale che ci permetta di cogliere la Bellezza di tutto il creato e di interagire con essa, pur con qualche limitazione: "Le mie vie non sono le vostre vie" (Is 55,1-11). Essa tuttavia non sarà sempre limitata o incompleta, ma diverrà simile ed uguale totalmente a Dio quando saremo in paradiso. Infatti essa non ci abbandona con il corpo, con la decomposizione del nostro cervello, ma essa è tuttuno con la nostra anima, è ciò che "fa pensare l'anima". La ragione ci permette di cogliere Dio nelle nostro quotidiano e ancor più, quando sarà perfetta nel regno dei cieli, di godere per sempre del suo Creatore. E' del resto la ragione stessa a farci pensare, a farmi credere questo.

 
21/07/2011 - Anche noi saremo soltanto Spiriti (Silvano Rucci)

Replica per Luisella Martin che afferma: “Quale capacità razionale illimitata e generica mi verrà data quando attraverserò la porta del Paradiso?” Il cervello, che usiamo per ragionare e ricordare, quando supereremo la porta del Paradiso non lo avremo più con noi, ovviamente, avendolo lasciato sulla terra! Il nostro Spirito, per godere della bellezza infinita di un altro Spirito che è Dio Padre, non ha bisogno della capacità razionale del cervello. I Santi Spiriti li potremo vedere direttamente perché anche noi saremo soltanto Spiriti e mi auguro... anche santi.

 
21/07/2011 - la ragione e la bellezza (luisella martin)

Ma se la nostra ragione non é fatta per una bellezza senza fine, se, come scrive un lettore nel suo commento, é limitata qui sulla terra, quale capacità razionale illimitata e generica mi verrà data quando attraverserò la porta del Paradiso? Gesù risorto aveva forse sembianze diverse, ma i discepoli di Emmaus lo riconobbero dai Suoi gesti e dalle Sue parole...la Sua razionalità era rimasta la stessa! Io credo invece che la nostra ragione sia fatta per la Bellezza senza fine, come ha scritto l'autore dell'articolo, e spero di averlo logicamente spiegato!

 
03/07/2011 - La ragione da sola non è sufficiente: è limitata! (Silvano Rucci)

La conclusione di questo articolo dice: “La nostra ragione è fatta per una bellezza senza fine!” Su questa affermazione non sono d’accordo e lo dimostra il fatto che una bellezza ancora limitata riusciamo a dominarla con la nostra ragione, ne godiamo e la condividiamo! Se però la bellezza aumenta e supera il nostro limite andando oltre, diventa incontenibile per la nostra ragione: è come voler comprimere troppa aria in un palloncino che arrivato al limite scoppia! La nostra ragione è limitata e la bellezza senza fine, infinita, potremo goderla si, ma non ora! Il nostro Spirito che per sua natura non è limitato e non può essere compresso come l’aria, ma nell’aldilà sarà libero, non legato alla attuale terrena condizione umana, potrà finalmente godere della bellezza infinita, della bellezza senza fine, per la quale è stato creato! La ragione umana, qui sulla terra, è contingente e non gli è possibile resistere a tanta bellezza!

 
28/06/2011 - Memoria, bellezza e logica (claudia mazzola)

Ho 47 anni, da ragazzina ho visto per la prima volta Vasco Rossi a Vobarno, quando era più fuori che dentro. Subito è stato grande in quel campetto. Negli anni ho seguito il suo meritato successo e le sue scanzonate, siamo diventati grandi insieme ed ora i miei nipoti sono andati al suo ultimo concerto. Lasciatemelo dire, ho anche una sua foto con dedica e autografo originale, è una bellezza per me! A 60 anni si può permettere di mollare il palco non il palcoscenico, le sue parole danno speranza a generazioni e non è cosa disumana ma molto umana.