BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RAGIONE&FEDE/ Che cosa c’entrano memoria e bellezza con la logica?

Pubblicazione:

Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-1601)  Caravaggio, Incredulità di san Tommaso (1600-1601)

Se ci troviamo di fronte a un fenomeno sorprendente, ovvero non catalogabile nella nostra esperienza precedente (altrimenti si tratta di un’induzione), possiamo formulare un condizionale (se la spiegazione fosse X, allora il fenomeno sorprendente si spiegherebbe) che lo introduca in una spiegazione nuova e convincente, che possiamo poi verificare deduttivamente (se così fosse, le conseguenze sarebbero...) e induttivamente (con una verifica sui campioni). Ma come facciamo a trovare la spiegazione in cui il caso sorprendente possa essere letto? Qui Peirce aveva le idee meno chiare ma ha lasciato delle indicazioni che possono essere sistematizzate nel seguente modo.

Troviamo una spiegazione leggendo dei segni che si trovano al di sotto della soglia simbolica, cioè leggendo segni che non sono parole o simboli - che richiamano il loro oggetto tramite un’interpretazione -, ma leggendo segni più elementari, icone e indici, che richiamano il loro oggetto per similarità e connessione (la mela che cade come segno di un ordine - che sarà una forza - e la sua connessione con il resto dei fenomeni di “caduta”). In questo modo leggiamo dei segni secondo la loro bellezza e la loro plausibilità nel contesto. Due modi diversi per intendere estetica ed etica in senso gnoseologico: l’ideale a cui il ragionamento si ispira e la concordanza tra l’ideale e il ragionamento in corso. I migliori gialli adottano questa strategia (si veda Gli assassinii della Rue Morgue di Poe) come fanno anche le grandi scoperte scientifiche e le certezze morali decisive.

Ma come facciamo a conoscere questa bellezza? Con quale criterio la giudichiamo? Come facciamo a sapere che esiste e che cos’è? Esiste in noi un criterio, spesso vago (che vuol dire “non determinato”) ma molto efficace: Peirce lo chiamava “istinto razionale”, la Bibbia “cuore”. Mi sembra che sia lo stesso “strumento” che Agostino indicava con il termine “memoria” nel libro X delle Confessioni. Uno vuol fare il soldato per essere felice e un altro vuole non fare il soldato per essere felice. Dove ha conosciuto la felicità per usarla come criterio? Essa si trova inscritta al fondo della nostra ragione e rimane come criterio insuperabile, anche se spesso solo indeterminato, più propenso a non essere soddisfatto che ad accontentarsi, a dire dei no piuttosto che dei sì (come diceva Socrate del suo daimon), ma segno inequivocabile che al fondo dei nostri ragionamenti, la nostra ragione è fatta per una bellezza senza fine.

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
14/10/2011 - Una lancia per Luisella (Orn Gabriele)

Ho trovato interessante, come studioso di filosofia, questo articolo, ma ancora più interessanti i commenti e in particolari quelli di Luisella e Silvano. Io credo che Dio creandoci a sua immagine ci abbia fornito di una razionalità tale che ci permetta di cogliere la Bellezza di tutto il creato e di interagire con essa, pur con qualche limitazione: "Le mie vie non sono le vostre vie" (Is 55,1-11). Essa tuttavia non sarà sempre limitata o incompleta, ma diverrà simile ed uguale totalmente a Dio quando saremo in paradiso. Infatti essa non ci abbandona con il corpo, con la decomposizione del nostro cervello, ma essa è tuttuno con la nostra anima, è ciò che "fa pensare l'anima". La ragione ci permette di cogliere Dio nelle nostro quotidiano e ancor più, quando sarà perfetta nel regno dei cieli, di godere per sempre del suo Creatore. E' del resto la ragione stessa a farci pensare, a farmi credere questo.

 
21/07/2011 - Anche noi saremo soltanto Spiriti (Silvano Rucci)

Replica per Luisella Martin che afferma: “Quale capacità razionale illimitata e generica mi verrà data quando attraverserò la porta del Paradiso?” Il cervello, che usiamo per ragionare e ricordare, quando supereremo la porta del Paradiso non lo avremo più con noi, ovviamente, avendolo lasciato sulla terra! Il nostro Spirito, per godere della bellezza infinita di un altro Spirito che è Dio Padre, non ha bisogno della capacità razionale del cervello. I Santi Spiriti li potremo vedere direttamente perché anche noi saremo soltanto Spiriti e mi auguro... anche santi.

 
21/07/2011 - la ragione e la bellezza (luisella martin)

Ma se la nostra ragione non é fatta per una bellezza senza fine, se, come scrive un lettore nel suo commento, é limitata qui sulla terra, quale capacità razionale illimitata e generica mi verrà data quando attraverserò la porta del Paradiso? Gesù risorto aveva forse sembianze diverse, ma i discepoli di Emmaus lo riconobbero dai Suoi gesti e dalle Sue parole...la Sua razionalità era rimasta la stessa! Io credo invece che la nostra ragione sia fatta per la Bellezza senza fine, come ha scritto l'autore dell'articolo, e spero di averlo logicamente spiegato!

 
03/07/2011 - La ragione da sola non è sufficiente: è limitata! (Silvano Rucci)

La conclusione di questo articolo dice: “La nostra ragione è fatta per una bellezza senza fine!” Su questa affermazione non sono d’accordo e lo dimostra il fatto che una bellezza ancora limitata riusciamo a dominarla con la nostra ragione, ne godiamo e la condividiamo! Se però la bellezza aumenta e supera il nostro limite andando oltre, diventa incontenibile per la nostra ragione: è come voler comprimere troppa aria in un palloncino che arrivato al limite scoppia! La nostra ragione è limitata e la bellezza senza fine, infinita, potremo goderla si, ma non ora! Il nostro Spirito che per sua natura non è limitato e non può essere compresso come l’aria, ma nell’aldilà sarà libero, non legato alla attuale terrena condizione umana, potrà finalmente godere della bellezza infinita, della bellezza senza fine, per la quale è stato creato! La ragione umana, qui sulla terra, è contingente e non gli è possibile resistere a tanta bellezza!

 
28/06/2011 - Memoria, bellezza e logica (claudia mazzola)

Ho 47 anni, da ragazzina ho visto per la prima volta Vasco Rossi a Vobarno, quando era più fuori che dentro. Subito è stato grande in quel campetto. Negli anni ho seguito il suo meritato successo e le sue scanzonate, siamo diventati grandi insieme ed ora i miei nipoti sono andati al suo ultimo concerto. Lasciatemelo dire, ho anche una sua foto con dedica e autografo originale, è una bellezza per me! A 60 anni si può permettere di mollare il palco non il palcoscenico, le sue parole danno speranza a generazioni e non è cosa disumana ma molto umana.