BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SAMIZDAT/ Cosa avevano in comune Oriana Fallaci, don Dudko e la sig.ra Sustrova?

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

E ce n’era per tutti i gusti: nella sola Slovacchia, zona - ci si passi il termine - “di provincia”, c’erano Svetlo per i bambini, Zrno per i giovani, Rodinne spolocenstvo per le famiglie, almeno 3 titoli per chi aveva il pallino della cultura, Radost a Nadej per i filosofi, i Bratislavske Listy di contenuto più politico, e altri periodici di informazione generale... Altro che fenomeno per post-marxisti o élite culturali!

Il samizdat era prodotto con varie tecnologie: dalla macchina da scrivere con la carta carbone (correggere un errore su più fogli diventava in questo caso un’impresa disperata), al ciclostile, al più moderno offset. La tiratura poteva raggiungere anche i 1000 esemplari, ma dipendeva dai mezzi, dalla disponibilità di carta e collaboratori: realizzare un testo di 100 copie di 60 pagine l’una necessitava di diverse settimane di rischioso lavoro.

Qualche perla trovata qua e là spulciando nel samizdat ceco? Sul numero di aprile-maggio 1981 del bollettino di Charta 77 uscì uno dei pochi testi della Fallaci tradotti in ceco fino ad oggi: la sua intervista all’elettricista Walesa,  pubblicata dal Corriere: “La famosa giornalista italiana ha visitato Varsavia per incontrare il leader degli operai polacchi al quale ha chiesto se il suo movimento assumerà i metodi di lavoro comunisti («Piuttosto mi sparerei»), se intende emigrare («Non potrei mai lasciare la Polonia»), la sua opinione su Reagan («Gli voglio molto bene»), sulla fede («Non potrei fare niente contro la fede») e sulla libertà in cui crede («Dev’essere ottenuta passo dopo passo, lentamente»)”.

Un altro episodio curioso fu il giro compiuto dalla Lettera ai cattolici del sacerdote ortodosso russo Dudko, uscita clandestinamente dall’URSS per essere pubblicata in Italia su “Russia Cristiana” (luglio ‘77) e “rientrata” all’Est sul periodico ceco Informace o Cirkvi (2/1980) che la riprendeva citandola dalla rivista italiana!

Infine Informace o Charte pubblicò sul n. 9/1984 una lettera della signora Sustrova alla Thatcher in cui si lamentava di aver trovato, nei muri di casa, una cimice identificata dal codice “2390 - Made in UK JU 359”, “il che, se non erro, significa che è stata prodotta nel paese che Lei rappresenta”. La lettera fu sequestrata durante la perquisizione domiciliare del giorno successivo, quando la polizia le sottrasse anche la cimice di fabbricazione inglese.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.