BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ La casa, la terra, gli amici, che ci serve per essere felici?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

I frati rapiti e uccisi in Algeria nel 1966  I frati rapiti e uccisi in Algeria nel 1966

“Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti”. Così Cesare Pavese, ne La luna e i falò. Un paese ci vuole per essere vivi, per essere uomini. Ci vogliono radici per le persone, le comunità, i popoli. La casa, la terra, gli amici è un bel titolo, per il nuovo libro di Massimo Camisasca (sott. La chiesa nel terzo millennio, ed. San Paolo). Ma è anche il condensato di ciò che ci costituisce, che ci àncora al passato, che ci permette il futuro. In una “società liquida”, tempo “di sentimenti brevi”, di un individualismo esasperato che genera violenza, un tempo dunque segnato dalla paura, paura dell’estraneo e del futuro, abbiamo bisogno di casa. Nel senso primo del termine, cioè un luogo decoroso, familiare, caldo.

Camisasca, sacerdote, fondatore di una Fraternità Missionaria, sa ciò che conforta lui e i suoi ragazzi, mandati nei più diversi paesi del mondo. Perchè per estendersi alla comunità, alla Chiesa, si parte da lì, da una stanza linda, una sala per incontrarsi, un ambiente silenzioso dove ritrovarsi. Per ricostruire si parte dalle fondamenta. Per ricreare l’uomo, per riformare la Chiesa si ricomincia da san Benedetto, che mise una sull’altra pietre e mattoni, fece monasteri in tutta Europa. Non fece rivoluzioni, ma partì dalla solidità di ciò che c’è, dalla realtà, dalla materia, plasmata dallo Spirito Santo. Non da uno spiritualismo ineffabile, che sembra rendere ben accetta la proposta cristiana, svuotandola del suo cuore, cioè l’Incarnazione; che pare accontentare la sete di tanti uomini, ma muove da sé e a sé ritorna, sterilmente.

In una casa ci sono un padre e una madre, cioè un’autorità. Non è un laccio alla nostra libertà, come ci hanno insegnato a credere. La dipendenza è un’opportunità, riconosciuta liberamente come occasione di confronto, di stimolo, di correzione. L’autorità non è autoritaria, se rimanda a un Altro che la ispira e la guida. Non vale solo per i preti: chiunque di noi sa bene che rifiutando il maestro, il padre, si finisce per servire tanti padroni, per sbandarsi dietro le facce che il Potere sa assumere.



  PAG. SUCC. >