BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIBATTITO/ Nessuna teoria (e laboratorio) ci fa rinascere da capo...

Pubblicazione:

René Magritte, Gli amanti (1928)  René Magritte, Gli amanti (1928)

Per l’uomo contemporaneo, cioè quello che fruisce - almeno potenzialmente - del capitale informativo e culturale che caratterizza l’attuale società globale, la lista delle scelte possibili non fa che allungarsi, estendendosi di giorno in giorno al di là di ogni confine tradizionalmente ereditato. Si può scegliere ciò che fino a ieri appariva immutabile, pensando così di poter ragionevolmente modificare non solo le condizioni materiali di vita ed i modelli di espressione, ma anche le proprie caratteristiche fisiche ed il proprio stesso genere.

Il problema è pertanto aperto, ma le sue radici non sono affatto inedite. L’estensione illimitata delle opportunità ed il conseguente aumento delle potenzialità di scelta del singolo non datano da oggi ma sono al centro della modernità come progetto culturale. Nei fatti è la modernità nella quale siamo nati che alimenta costantemente la speranza di un’estensione crescente e potenzialmente illimitata delle opzioni, cioè delle scelte a disposizione. Estendere quanto più possibile le occasioni di scelta - come ricorda Dahrendorf nel 1979 - è un obiettivo che si situa al cuore del progetto moderno, ne costituisce il vero e proprio motore motivazionale, quello che ne alimenta incessantemente la dimensione progettuale. Per un mondo fondato sulla libertà, quest’ultima ha tanto più senso quanto più il soggetto può scegliere tra una serie crescente e potenzialmente illimitata di opportunità di vita.

Il dato inedito, quello alimentato dai recenti sviluppi della scienza contemporanea, è costituito dalla possibilità di far rientrare nella rete delle opzioni a disposizione anche quei dati del corredo naturale che fino a ieri si sono presentati come il più incontrovertibile dei dati di fatto. Una tale possibilità di scegliere anche le caratteristiche connesse alla propria natura psichica e fisica, non presenta solo dei problemi sul piano etico e politico, ma trasforma completamente i termini stessi del confronto tra modernità e tradizione.



  PAG. SUCC. >