BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ Quanto vale il "rudere" che ha ispirato Raffaello e Michelangelo?

Pubblicazione:

Esempio di grottesche della Domus Aurea  Esempio di grottesche della Domus Aurea

La Domus Aurea ebbe comunque un ‘futuro’, poiché alcune tecniche d’avanguardia o di inusitata originalità trovarono applicazione assai diffusa come, ad esempio, il rivestimento a mosaico delle volte e non solo dei pavimenti, come in precedenza, adottato dagli architetti che edificarono le basiliche cristiane e bizantine.
Ciò che comunque non va separato dalla realizzazione di questa imponente opera, discutibile – tanto più per gli elevatissimi costi – e inutile, è il significato che essa assunse per i cittadini di Roma, ma anche di tutto l’Impero. Nerone nel corso del suo breve regno (54-68) stabilì un’intesa con gli strati più bassi della popolazione, appoggiandosi sugli umori del popolino, al quale i giochi e le sue stesse stravaganti esibizioni pseudo-artistiche non dispiacevano. Si dovette trattare di una forma singolare di avvicinamento tra l’imperatore e i suoi sudditi, «un esperimento di regno non a tutti sgradito», che aveva messo alle corde il senato e l’opposizione dei benpensanti e dei filosofi, capeggiati dai seguaci dello stoicismo, del quale Seneca era il maggiore esponente.
Questo può spiegare «il fenomeno di culto e nostalgia legittimistica che accompagnò la morte di Nerone», dando origine ad episodi di culto e di venerazione della sua memoria che contrastano con il despotismo manifestato dal principe dopo il quinquennium aureum, i primi cinque anni del suo regno trascorsi sotto la guida di Seneca e del prefetto Burro, nonostante le trame della madre Agrippina. Bisogna riconoscere che l’applicazione da parte di Nerone del principio di auctoritas, sul quale si fondava il principato, si trasformò in breve tempo nella pratica di una autorità sovrumana, quasi ‘eroica’ in senso greco, un principio di splendore sovrumano e di onnipotenza che era riuscito pienamente comprensibile ai sudditi d’Oriente e ai ceti meno qualificati del mondo occidentale. 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >