BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VERSO IL MEETING/ Se il "folle volo" di Malick incontra la speranza di Ezechiele

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il meeting di Rimini 2011  Il meeting di Rimini 2011

Questa è la nostra storia. Tutto abbiamo ricevuto, la nostra storia inizia nel nulla. “Non c’eri, ci sei: dipendi”. Tutto abbiamo ricevuto, e molto abbiamo sprecato. E adesso la nostra tentazione più grave è di pensare che ormai sia troppo tardi. Ma Ezechiele ci insegna che non lo è. Anche la crisi più grave di tutta la storia d’Israele, la deportazione di Israele nel deserto di Babilonia, non era l’ultima parola: da quel deserto, il popolo torna a vivere. Ancora una volta, dal nulla Dio crea una cosa nuova - e vuole che in questa ri-creazione lavoriamo al suo fianco.

L’allestimento al Meeting, progettato da una squadra di architetti capitanata da Maurizio Bellucci, sarà multimediale. Scenografie cinematografiche metteranno il visitatore rapidamente in contatto con un mondo lontano, mentre la guida parlerà all’interno di una grande tenda nel deserto. Poi, tutta la storia d’amore tra Dio e Israele, che Ezechiele racconta attraverso il dialogo tra Dio e una giovane orfana, verrà proiettata in un video realizzato da Andrea Chiodi (regista di “Marina Judina, la pianista che commosse Stalin”, lo scorso anno al Meeting, e dei Centocinquant’anni d’Italia a Torino per Rai Uno). La “voce” di Dio è Andrea Soffiantini, che già ebbe questo ruolo nella mostra su Geremia (Meeting 2007). A questa voce reagisce la “trovatella”, Ester Botta, attrice televisiva e prescelta da Massimo Ranieri per la sua produzione de L’opera da tre soldi attualmente in tournée.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >