BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LETTURE/ Quella "rivoluzione" di Gesù nel Getsemani

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Andrea Mantegna, Orazione nell'orto  Andrea Mantegna, Orazione nell'orto

Si suppone – prosegue il papa – che Gesù, nella prospettiva della pasqua che Egli aveva celebrato a modo suo, abbia cantato forse alcuni Salmi dell’hallèl (113-118 e 136), nei quali si ringrazia Dio per la liberazione di Israele dall’Egitto; Salmi però nei quali si parla anche della pietra scartata dai costruttori, che ora è diventata prodigiosamente pietra angolare”. Il nesso con il destino personale a cui Cristo era drammaticamente chiamato a consegnarsi è subito evidente: “In questi Salmi, la storia passata diventa sempre di nuovo momento presente. Il ringraziamento per la liberazione è allo stesso tempo un’invocazione di aiuto in mezzo a tribolazioni e minacce sempre nuove, e nella parola circa la pietra scartata si rendono presenti il buio e insieme la promessa di quella notte”.

Ma al di là delle circostanze da accettare come via per portare a compimento il disegno della salvezza, qui affiora “un dato fondamentale per la comprensione della figura di Gesù”. Prima di immergersi nella notte del Getsèmani, “Gesù recita con i suoi discepoli i Salmi di Israele”. La materia del loro dialogo con il mistero del Padre di tutto ciò che esiste include in se stessa le forme espressive della pietà che li aveva nutriti in quanto figli della stirpe ebraica. Anche Gesù è “osservante”: pregava e insegnava a pregare come volevano le consuetudini del popolo che gli aveva dato una carne umana.

Tutta la religiosità di Cristo è una religiosità incarnata: si cala nelle immagini mentali, nelle parabole, nelle formule scritte e negli atti rituali di una tradizione che lo precede (ma certo non lo ricomprende). La stessa logica sarà assunta dal corpo della Chiesa che da Cristo ha preso origine: come un principio di vita nuova nel mondo, che si articola però ricomponendo secondo un significato originale, nella luce di una coscienza riconvertita, i dati dei desideri, dei tentativi e delle costruzioni elaborati dall’uomo nella sua ricerca di una pienezza capace di appagare totalmente. Anche la Chiesa di Cristo farà propria la preghiera dei Salmi di Israele per dare forma alla sua più alta e autorevole preghiera comunitaria.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >