BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ La lezione di Roma e Cartagine all’Italia di oggi

Pubblicazione:

Rovine di Cartagine  Rovine di Cartagine

La propaganda romana poteva facilmente far leva sul tasto del nemico per antonomasia e far credere che Roma non avrebbe mai potuto essere sicura, finché rimaneva la minaccia di Cartagine a poca distanza. I Cartaginesi erano presentati come il nemico, era proverbiale la loro inaffidabilità e la loro capacità di tessere inganni. Questi temi furono a lungo ribaditi da storici e autori delle età successive (forse anche per attenuare l’amarezza e il senso di colpa che la distruzione della città aveva lasciato).

Ma davvero erano questi i sentimenti dell'uomo della strada? Più che i testi canonici, vorrei richiamare una commedia di Plauto, il Poenulus, rappresentata pochi anni dopo la fine della seconda guerra punica, e dunque proprio in questo intervallo in cui la propaganda bellicista proclamava la necessità di abbattere la potenza cartaginese.
Il personaggio che dà il titolo alla commedia è un ricco cartaginese, che si mette in viaggio alla ricerca delle figlie che gli sono state rapite. Alla fine la sua figura risulta l'unica figura positiva in mezzo a un'umanità dai tratti squallidi, fatta di persone che si notano solo per i loro difetti e la loro meschinità: uomini e donne collerici, o avidi, o vanitosi e desiderosi di comparire, o petulanti, o pronti all’imbroglio per pochi soldi. Certo nella rappresentazione dello straniero vi sono tratti che ne mettono in risalto l'alterità (il modo diverso di vestire, gli anelli alle orecchie) e vi sono battute che richiamano, sia pure senza insistenza, i luoghi comuni sull’inaffidabilità dei Cartaginesi.
Ma alla fin fine questo gugga che compare sulla scena è un uomo generoso e devoto agli dèi (preghiere autentiche e genuine come quella che il cartaginese rivolge agli dèi hanno rari riscontri nelle commedie di Plauto). L’“infido” cartaginese è in realtà il solo che mantiene fede ai patti e non è pronto a mentire e ad ingannare gli altri, in sostanza è l'unico che ispira sentimenti di simpatia immediata.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >