BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIBATTITO/ Punire, perché? C’è una "comunione" più forte di qualsiasi reato

Pubblicazione:

Nel carcere di Hamas, a Gaza (Infophoto)  Nel carcere di Hamas, a Gaza (Infophoto)

È chiaro che il senso soggettivo della pena non è disgiungibile dal senso che la società intera le attribuisce e quindi dalla offerta di senso e di sbocco che, nelle sue determinazioni concrete, è in grado di presentare. Ma la percorribilità è resa possibile dalla verità della relazione.

In questione non è la pena, ma l’uomo, e la domanda di fondo verte su quel che può far rinascere l’uomo nell’uomo. Anche qui è centrale il realismo della Nascita.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.