BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LETTERA/ Perché la crisi è più pericolosa per l’anima che per il conto corrente?

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

Non attendiamoci che una qualche formula politica, un qualche partito, un qualche uomo politico, un qualche illuminato imprenditore o professore possa trovare la formula, il meccanismo, l’algoritmo perfetto che, combinando insieme i fattori di produzione, tra i quali il materiale umano, possa far rinascere il Paese. Quella formula, l’abbiamo capito, non esiste. Gli illuminati la stanno cercando dal 2007 e non l’hanno ancora trovata. Non la trovano perché non c’è. E se qualcuno ci crede ancora, allora merita di restare nella sua tana. Per chi sa che non esiste, per chi è stato educato a saperlo, la vacanza è finita. E’ ora di rimettersi a costruire scegliendo se si vuole essere protagonisti oppure, più comodamente, nessuno.

© Riproduzione Riservata.