BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STORIA/ 1973, lo strano tentativo di "sostituire" il comunismo

Pubblicazione:

Mosca, manifestazione di nostalgici del comunismo (Infophoto)  Mosca, manifestazione di nostalgici del comunismo (Infophoto)

In generale, l’operazione di ricerca della nuova «base ideologica» si mostrò complessa, faticosa, contraddittoria fin da principio. Furono addirittura coinvolti rappresentanti dell’intelligencija libera, indipendente, «catturati» dalla possibilità di avere accesso a fondi bibliotecari segreti, e illusi di poter in qualche modo contribuire al rinnovamento intellettuale del Paese.
In realtà, il partito non intendeva rinunciare al suo abituale controllo: la libertà dei ricercatori era limitata, spesso addirittura sorgeva nei singoli una sorta di «censore interno», preoccupato di non creare contrasti, di non spingersi oltre limiti evanescenti ma estremamente reali. Se veniva ad esistere una maggior libertà, era pur sempre una libertà vigilata. D’altra parte una nuova concezione del mondo, sia pure una nuova ideologia, non può nascere su direttiva del partito, anche ben intenzionata.
Una nuova dottrina nasce da un vita nuova, sebbene indubbiamente anche questa iniziativa abbia contribuito ad aprire ambiti di libertà,  a far respirare (sia pur in ambienti ristretti) aria più sana. Dal 1987 l’esperimento muore di morte naturale.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.